Stockholm with the exchange students

Hej! I will finally talk about my week end in Stockholm, where I met some exchage students that are with STS, and live in Norway, Sweden, Finland and Denmark. We had fun and enjoyed the nice weather and the warm in the “big city”.

Stockholm is very nice, though Göteborg is in my heart. We went there for the first meeting with STS and I felt more at home. Stockholm is the capital of Sweden and has something like 800.000 inhabitants, so it is like one third of Rome population. Göteborg (Gothenburg) is the second city of Sweden but still less peacefully than Stockholm, so maybe that is why I felt more at home, because it was more like Rome.

This was my last time in Stockholm, but I did not feel so sad because after three times I have visited it, I know it good, though I am very bad in orienteering! and I got lost with my friends a lot of time!

So in the morning I took the train to Stockholm from Åkers styckebruk where my host grandparents drove me. Once arrived I started to look for the hostel to leave my trolley. From the station to Gamla Stan where the hostel was, it normally takes twenty minutes. Right, I needed one hour to get there, but I arrived there at least!

I left the hostel talking in Swedish (you do not have to worry about your Swedish when you start to say “jag är en av utbytesstudenterna som ska sova till Söndag” I am one of the exchange students that will sleep until Sunday) and started to go around. I met with two exchange students already in Stockholm (one from Germany and one from New Zealand) and then with a girl I met on the first meeting, from Finland. Stockholm was full of cherry trees and it was warm.

We got a great time, I burned my skin and then we met with the others at the station. We got to the hostel. It was quite little and not so comfortable, but I learned to feel at home everywhere, just change the sheets on the bed and take a shower in the new place and the work is done!

We had dinner at Pizza Hut and got to the hostel. Slept good in a new place again 🙂

 

On Saturday I woke up early to take a shower and helped to take the breakfast from the kitchen to the “brakfast room”.

We talked about the plans and started to visit Gamla Stan a little. Ylva, one of the STS leaders, lives in Stockholm and likes to visit new place, so she knew a lot of things about the city. It was a little cold in the morning but then we stayed with t-shirts. So we visited the castle, built in Renaissance style, and full of stairs! It is not the castle where the Royal family lives, but they go there at least every Friday to meet the members of the Parliament, in a room where there is a table with all the laws books and the Bible.

A guide with a perfect British English showed us the castle (even with an Ipad) and it was very interesting, though I scratched my earrings all the time because of the sun burn .-.

Then we returned to the hostel and ate a sallad with pasta, that could not be called pasta because it sucked, but it looked like it at leastahhaha

We got some pieces of paper with photos of places in Gamla Stan, we had to find them, divided in group, and the one with the most photos took in those places, won. Then we went aroung in Gamla Stan, I shopped a magnet and a blue sweater with written “University of Stockholm” (I love it!).

The leaders decided to leave us to get alone to the place where we had dinner. And now the funny thing happens. We went first to the hostel to change clothes and rest a little, because we walked a lot during the day. Of course we did not have a clue on where the pub/bowling/restaurant was. We started to ask in Swedish and we got there, or at least, in the area. We were late and I called one of the leaders to say “vi är på vägen, men det tar tid!” we are on the way, but it takes time!”. She explained me where to go and said the name of the street. But the problem was that we had to go in “lower” level of the city, and we needed to find the stairs. The street where the stairs are, and even the stairs, are not marked on the map, though that street is very big and full of shops! So after many calls she came to pick up us, and we where like 50 metres from the stairs!

But it does not matter…we started to play bowling and then after an hour we went upstairs to eat the dinner. We talked a lot, and I laughed a lot with the other Italians, because everyone of us comes from different parts of Italy, and so everyone had different accents, it was very funny!

After that we went outside and walked back to the hostel. Near the restaurant there was the street where Olof Palme (Prime minister in the ’90s) was murdered.

On Saturday in Stockholm there was the museums’ night, so every museum was open and free entry. They left us to go alone an hour in Gamla Stan if we wanted to visit some museums. It the city mall there was a big “party” with traditional musicians and much more, so we could not go there becaus”maybe” it was kind of a mess with so much people!

In the hostel we talked a little in the common room, got some godis and “fredag”smys. At 23 we had to leave the room so we met all in the big room where some of we girls slept. It was a very big room with 14 beds! So we played, laughed and talked until 2.oo a.m. and then went to bed.

I was not very tired the morning after, luckily, because we really walked a lot!

We left the hostel a little late, 9,40 and took the tram to Skansen, a big garden with a lot of animals, traditional houses rebuilt to be shown, people in traditional clothes and much more. We had just an hour to visit it, but it was not a big deal because we where very tired. I succeeded to lost the way even in Skansen, with a map that can be followed by children, am I not the best? What a lucky that we where in two, and then we met another girl!

The day was sunny and we had lunch on the terrace of Skansen. We ate köttbullar, potatis mos och lingonsylt with the sun, no wind, and Gröna Lund and all Stockholm on the view.

After that we started to say goodbye to each other. We did it in a great way. We formed a circle, and one started to hug the one on his left side, and coninued to do it with the others after. The one that was in in his right side at the start followed him, hugging the others in the same way. It was a great way to really say goodbye to everyone and it took a lot of time!

 

After that we took again the tram and got to the “centre” of the city, were a park called “Kungträdsgården” was. It was a park where the king liked to walk with the Queen and it is very nice with the cherry trees everywhere. We sat on the grass (it was not real, but anyway…) where some traditional musicians where singing and playing. We made some videos talking in our different languages, we where from five different countries. It was sunny and I became even darker, finally!

After that, we started to walk everywhere, without knowing where to, without knowing to do what!

We did not know what to do actually, but we went to the hostel, then to the train station because someone had to take the train, then again to the hostel and then again back, almost two hours walking! But I finally got to the station, bought a salad at coop for my dinner and got on the train. The station was full of people, I asked some informations to find the track. I do not want to say anything bad about Sweden, but they make a mess with rails, trains and subway. When we got to the hostel with the subway we nearly got lost, there are no signals!, and then add that we did not know every name of the stations..but I stop here!

Besides…I was so happy to can speak Swedish that I asked very often for informations, I felt so happy 😀

The train arrived 25 minutes later, and we got to Karlstad with 33 minutes of late. I am used to this in Italy, but not here! ahahaha

I was so tired that I did not want neither to listen to music. So we travelled two hours and a half and I just stayed without anything to do. Or maybe I slept but I was so tired that I forgot it!

It was nice to meet my host family again, the less nice thing was to sleep with the light at 21, but I will get used, I hope!!!!

I am going to share some photos, and remember to check this link if you want to see a looooot of photos from my year in Sweden, but I am still looking for the solution to share the others because internet does not work good at home. But in some days I will fix it, so check the post if you want 🙂

I have to go because I have the Maths test

See you!

 

Some random news and Valborg

So, I am at school, writing on the school computer about some days of this week.

I am almost sleeping. We start at 10 with an hour of reading during the Swedish lesson (and the book is in Swedish!), then we have physic, omg! After this we have lunch, then economy and then the second part of the maths test. The first part done yesterday went pretty good, and we even had an English National test that all the students of the first and second year did from 8.10 to 9.30. We had to write about role models and who has been our role model during our life. We had to write between 250 and 600 words and I wrote 550, pretty good.

I am almost sleeping because the sun does not go down before 20.00 and at 21 it is almost day…and at 22,30 it is still not completely dark!

I can close the eyes to sleep (am I not very smart?! 😛 ) but if I just think that out it is still not completely dark, I cannot sleep! And in the morning I always wake up at 6! Have to find a solution.

This morning having breakfast I said to my family “jag måste hitta en lösning!” I have to find a solution! and we laughed about my problem. They are used to this, and do not have problems to sleep! During winter I used to go to bed at 20,00 and sleep at 21,00….I was very tired! Now At 21.00 it is still lightly, I do not feel tired at all, even if you actually are! And you feel like an anxious feeling because the crepuscle never seems to end! It is going to be worse than the winter, we will not see the dark for two months, starting in just some days!!! No I am joking, nothing can be worse than a Swedish winter 😀

Some days ago I changed the weels of the car with my host father. He needed help and I am always looking for something new to do or learn! It was quite heavy but funny. Then we prepared pizza and ate 😛

Yesterday the weather was not so good in the morning, but around 15.00 the sky started to be clearer and clearer, so after dinner I took the bike and cycled to Råda. It was just 7 degrees but I did not need more than the sweater bought in Stockholm. The sun warmed a lot!

This morning having breakfast, my host father said that he talked with one of the neighbours and he said that every Friday and Sunday at 18.00 there is a group of inline skaters that meets at the start of Klarälvsbanan to skate to Myra, in total 25 km including the return. They skate using the sticks, like you do with the cross-country skiing. In this way you train a lot arms and abdominals, but if you are tired, and I will!!! you can still work with the legs. I look forward to try it! So this Sunday Micael and me will start to see how it is. Then another day when the sun will shine we will take the canoe on the Råda lake. I look forward.

This two months, like I felt before the Easter holidays, are going to be, and are already, the best of my experience. I mean the months I felt less sad (never felt sad!) in all the year. My family and me know each other very good now, we do not have secrets and everything it is easier.

Today is the last day of April. Here in Sweden you celebrate the day of Valborg tomorrow, and today is the Valborgafton. The so called Majbrasa is the bonfire organized in almost every village where you burn the trees and the old plants collected before the last day of April. It is a way to welcome the spring, though almost every year the weather is not of the best. Just today, it should snow!

So the “maybrasa” is done on the day before Valborg and Katarina and me will sing with the choir first in Hagfors (I am happy for this but I just hope there will not be many students from the school) and in Edebäck after. So we will sing between 19.00 and 22.00….and of course it will not be completely dark at that time. But I will take photos and show them in the next post, so stay tuned 🙂

Tomorrow is the first of May as you all know, so we do not have school, and on Friday neither (in Italy we call this “bridge”) I do not knowwhat is the word in English. So tomorrow Katarina and mewill go to Mora, in the Dalarna region, the famous place where the Dalahäst (horses of Dalarna) are produced. Micael and Marcus are there because there is a Innebandy game where Marcus will play, and Micael is the trainer, so it will be nice 🙂

Next week on Monday I have the comprehension part of the Swedish national test. I look forward to it and I am not stressed longer, because the immigrants get the same test but with different criterias of grade.

I close this post and write another one about Stockholm

I wrote a lot of post in Italian about the last week, could not share any photo because internet does not work good at home, but in some days I will be able to do it and you can take a look on them if you want 🙂

Hope you enjoy the post, see you soon

😀

Carbone, acqua e gomme da masticare

24 aprile 2014

Diciamo che avere dei nonni mi era mancato abbastanza durante questi otto mesi. Ora posso dire finalmente di aver trovato i miei nonni svedesi, e sono i genitori di Katarina. Stamattina Katarina, Rebecca e Marcus sono tornati a casa e io rimarrò con i nonni fino a domani mattina. Ormai riesco a parlare in svedese quasi di tutto, il nonno ospitante è divertentissimo e la nonna ospitante è semplicemente la classica nonna, che cucina i piatti preferiti dei nipoti (tralasciando il fatto che siano tacos o hamburger 😛 ).

La giornata sarebbe stata già abbastanza piena e interessante perché nel pomeriggio andremo a Strängnäs, un paese vicino a Åkers styckebruk, ma appena svegliata la mia nonna ospitante mi fa “pensavo che potrebbe essere bello fare un giro in macchina nei dintorni per farti vedere la miniera e l’antico mulino” (adorabili questi nonni 🙂 ). Quindi ho fatto colazione, iniziato a fare la valigia per andare a Stoccolma domani, scritto QUALCHECARTOLINA (quindici!) e risposto al richiamo del “Rossella, vill du ha lite fika?” che ormai nemmeno traduco più. Ci siamo seduti fuori con la giacca e i pantaloni al ginocchio (oggi è sereno ma fa abbastanza freddo, perché soffia vento da nord). Abbiamo bevuto apelsin saft (succo di arancia), kaffe, kanelbullar och smörkakor. Abbiamo parlato del tempo e del mio ritorno in Italia, e dell’Italia.

Dopo aver mangiato siamo andati in macchina verso la miniera, abbiamo visto un antico strumento per creare un tubo in un tronco, e visto la montagna di tronchi che nel week end inizieranno ad essere “arrostiti” per fare il carbone. C´è una piccola casetta di legno dove due persone dormiranno per circa due settimane, per controllare la temperatura della brace.

Le ceneri dell’anno precedente vengono utilizzate per coprire i tronchi e rallentare il fuoco ogni anno.

Da cenere e sabbia nasce, da quello che ho capito, sciogliendosi una sostanza protettiva che viene usata sul fondo delle barche di legno come protezione (tjärdal-catrame). Mentre osservavamo la ciotola dove viene prodotta ci accorgiamo che davanti ai nostri occhi c’era una lepre che poi è scappata coprendo dieci metri in circa tre secondi.

Hai vissuto abbastanza in Svezia se ti capita di dire: “Vilken fint skog!” (che bella foresta!). È anche da sapere che c´è un albero che in Svezia `”den fullaste”, il più brutto.

E poi…che gli alberi in svedese sono divisi in träd, se la chioma inizia dall’alto come la quercia, e “gran” se la chioma inizia da terra, come l’abete, che viene chiamato julgran (albero di Natale).

La resina del pino marittimo, quando assume il colore giallo, può essere usata come gomma da masticare. Segreti di un nonno svedese che pochi giorni fa mi ha offerto dell’erba cipollina quando eravamo nel giardino, dal loro orto…padre di un’altra svedese che passeggiando nella foresta stacca dell’erba e me la proge dicendo: “ät!” (mangia!).

In svedese anche le foglie hanno due nomi. Blad quando nascono, germogliano, sono verdi e vivono. Löv quando muoiono e iniano a cadere e quando si trovano per terra.

Le allergie dei pollini in Svezia sono causa dall’ albero chiamato björk, ovvero le betulle, mentre in Italia o almeno a Roma, da pioppi, querce, lecci e platani.

Il verbo “googlare” (“googla”) è diffusissimo in Svezia. Sul canale youtube “TheSwedishLad” potete trovare la canzone “ogooglebar” (ingooglabile). La lettera “o” prima di un aggettivo o un avverbio funge da negazione della parola. La maggior parte dei verbi svedesi sono ganska lätta (abbastanza facili), perché il più delle volte consistono solo nell’aggiunta di una a dopo il nome “della cosa fatta”.Suona più vago di una pagina di condizionali e il mio italiano più insicuro di un exchange student alle armi con il suo primo giorno di scuola all’estero…quindi faccio meglio a procedere agli esempi.

-Bad: bagno, bada: fare il bagno

-spring: corsa, springa, correre

-blomma: fiore, blomma; fiorire

-varm: caldo, värma: scaldare

-fisk: pesce, fiska: pescare

-mjölk: latte, mjölka: allattare

A presto

Hejdå!

 

“Pitepalt” e visita all’acciaieria

23 aprile 2014

Non ho scritto niente sulla giornata di ieri, ma siamo andati al centro commerciale di Eskilstuna, mangiato un mezzo räksmörgås, trovato decine di cartoline e sono riuscita a capire tante cose alle casse di negozi e supermercati, e ho indicato ad un bambino che me lo ha chiesto, dove fosse la cassa (grandi progressi 😀 ).

Da quando sono qui, sono morte quattro persone che conoscevo (non troppo giovani e nemmeno affezionatissime, men ändå!). Durante un anno succedono davvero tante cose!

Tornati a casa abbiamo preso il sole, anche se il vento è aumentato…

In farmacia ho finalmente trovato una crema doposole e una crema solare. Ovviamente era costosa, e ovviamente appena uscita dalla farmacia mi sono accorta che c’erano creme solari ovunque, e ovviamente economiche! Comunque, per cena abbiamo mangiato wafflors, e visto in televisione NCIS.

 

Tornando ad oggi…stamattina sono riuscita a dormire fino alle 8.00, docciata e fatto colazione.

Oggi ha fatto freddo (in inverno 12° sarebbe stato caldo, ma ora ci siamo abituati alle temperature tropicali 😀 ) e c’era vento. Verso le 10.00 io e Katarina abbiamo fatto una passeggiata nella zona dell’acciaieria di Åkers styckebruk, fondata nel….comunque, tanto tempo fa… 😀

Il villaggio si è sviluppato grazie a questa fabbrica, ancora aperta, e che produceva anche cannoni.

Vicino a questa fabbrica c´è un enorme parco chiamato “Engelska parken”, i lparco inglese, perché costruito, vagamente, secondo lo stile inglese.

Tornate a casa abbiamo pranzato tutti insieme con una zuppa al pomodoro in busta chiamata “romana soppa”, che tra l’altro era buonissima. La mia nonna ospitante mi fa: “perché non fai quel pane bruscato con l’aglio?! (lunedì avevo cucinato carbonara e bruschette al pomodoro con l’aglio) che insieme alla zuppa stavano proprio bene 😛 . Dopo pranzo siamo andati a visitare la fabbrica Mycriverktig, dove lavora uno dei fratelli di Katarina. è stato interessante vedere come funziona un’acciaieria, anche se non so cosa raccontare di più (e teoricamente, non ne ho nemmeno l’autorizzazione!).

A casa abbiamo fatto fika e poi mangiato tacos per cena. La nonna ospitante, che è norvegese, per farmi assaggiare un cibo tipico del Norrland (regione della svezia dove abitano i lapponi), ha preparato il/le/la/gli “piteplat”. In pratica è una polpetta di pane e patate riempita di manzo affumicato (noi abbiamo usato il bacon), e bollita in acqua salata, che ricorda la preparazione e il sapore dei canederli valdostani ( o altoatesini/trentini!?).

Viene servito/a/e/i con marmellata di mirtilli e un po’ di burro.

Non piace a tutti gli svedesi e non so perché, ma è un po’ pesante, ne mangi due e stai a posto 🙂

Ecco qualche foto, e la ricetta in svedese 😛

Dopo cena abbiamo fatto una passeggiata per andare a trovare il fratello di Katarina (che lavora nella fabbrica) nel suo appartamento (che è fighissimo!). Sulla strada abbiamo incontrato un cerbiatto, a soli cinque metri di distanza 🙂 .

Ora sto vedendo la partita di hockey Svezia-Norvegia (2-11) o almeno lo farò una volta finito di scrivere. sono le otto e mezza di sera ed è quasi ancora giorno.

STS ha inviato il programma del week end tra “utbytesstudenter” e suona davvero divertente! Ci sono exchange da Norvegia, Svezia, Danimarca e Finlandia, quindi sarà curioso!

A quanto pare scrivo male se scrivo su carta, ma non potevo lasciare un buco di una settimana sul mio blog.

Il 22 giugno torno in Italia. Come mi sento? Sinceramente non saprei…tutte le cose che mi mancavano solo qualche settimana fa ora fanno solo parte di una cultura diversa alla quale mi dovrò riabituare. Sono mezza svedese, penso a metà come uno svedese, penso in svedese, mi piace il cibo svedese, quello italiano è diventato addirittura quasi pesante da digerire, anche se non ascolto un discorso capisco comunque. Agisco come gli svedesi, mi da fastidio se qualcuno parla ad alta voce, e sono in una bolla, divisa dal mondo italiano…soprattutto perché l’umorismo svedese ha fatto radici nella mia testa e se torno in Italia così (non soltanto capendo l’umorismo svedese, ma anche facendo battute alla svedese!) nessuno vorrà più parlare con me ahahahah

 

Mi chiedono se penso in svedese o italiano. Rispondo che quando parlo penso in svedese, ovvero parlo senza aver bisogno di formulare le frasi. Se penso per me, tipo quando ho fame e penso “devo mangiare”, lo faccio in svedese, anche se non siamo robot, e la maggior parte di queste cose le facciamo senza pensarci troppo 😛 . Se vago nei miei pensieri invece, succede in svedese, italiano ed inglese. Ed infine la lingua nel sonno…

Qui in Svezia non mi capita di sognare spesso…forse perché sono stanca o perché il cervello non riesce a scegliere la sua lingua.

4-1 per la Svezia

Comunque, a seconda di dove si svolgono i miei sogni la lingua cambia…a parte all’inizio quando c’era un po’ di confusione e sognavo di parlare con gli svedesi in italiano e “tvärtom” (viceversa).

Bevendo un tè caldo al limone, guardando Svezia-Norvegia e parlando con i nonni ospitanti, vi do la buonanotte (nonostante pubblicherò il post la prossima settimana!)

Hejdå!

Mariefred e il castello di Gripsholm

21 aprile 2014
Diciamo che anche la tradizione italiana di festeggiare Pasquetta all’aperto ha trovato il suo posto in questa giornata. I postumi del sole di ieri si iniziano a vedere, incredibile dire che mi sono bruciata! Stamattina ho fatto colazione come di consueto, provando pane integrale con burro, marmellata d’arancia e formaggio, o marmellata e patè…beh che dire…è buono! Dopo esserci preparati ci siamo diretti a Mariefred, 7 km da Åkers styckebruk, per visitare il famoso castello di Gripsholm appartenuto ai Vasa, costruito in stile rinascimentale. Prima abbiamo visitato la cittadina che si trova sul lago Mälaren, fatto fika e visitato qualche negozio.

Panna cotta con frutti di bosco :P

Panna cotta con frutti di bosco 😛

Decorazioni pasquali tradizionali svedesi

Decorazioni pasquali tradizionali svedesi

Facevano 20° e siamo stati in canottiera!
Il castello è anche sede della Galleria Nazionale di ritratti con in tutto 3500 quadri. Ogni tanto, incontrando una guida che parlava in svedese, riuscivo a capire tutto. Andando verso Mariefred ci siamo fermati in un terreno da pascolo che apparteneva in passato al re. C’era un gruppo di cervi, davvero bello.


Dopo aver visitato il castello abbiamo mangiato un hamburger e siamo andati ad Ica per comprare gli ingredienti per la Carbonara che mi hanno chiesto di preparare per la cena.


Spero che domani riuscirò a trovare una crema solare, brucia da tutte le parti!

Quando insegno qualche parola di italiano alla mia famiglia ospitante mi capita di sbagliare…pensate come sono messa! Ho detto vado invece di andare, allattare invece di mungere…ma sono solo alcuni esempi comici!
Se trovate un lecca lecca all’uva in qualche angolo sperduto del mondo, assaggiatelo! 😀


Il mio svedese in questi giorni sta facendo abbastanza schifo, sono molto stanca con il sole e cercando di concentrarmi al massimo per capire tutti i discorsi. Inizia a diventare difficile quando capisci una lingua del tutto. Anche senza pensarci capisci quello che la gente intorno dice e come nella tua lingua, se più gente parla contemporaneamente, la cosa inizia a diventare pesante.
Perla di saggezza: la melodia di una lingua si coglie solo non conoscendola o parlandola poco.

La prima bruciatura/scottatura/spellatura non si scorda mai / Pasqua in Svezia

Pasqua 2014, 20 aprile

9° alle nove e mezza di mattina.

Oggi è Pasqua, ancora niente auguri ma tutti dicono “allora oggi è Pasqua, festeggiate Pasqua in Italia?! ok, ciao 😀

Fatto sta che continuo a scrivere oggi perché ieri sono crollata. Solo svedese, più di 400 km in macchina e tante novità, cibo svedese e tanto tanto caldo! Il sole stanca tantissimo. È stato davvero piacevole prendere il sole (rimanendo bianca ovviamente, ma non si può chiedere tutto). L’italiano è una lingua difficile, abbiamo molte parole, troppi modi di esprimerci, è diventato davvero difficile scrivere, soprattutto se prima di scrivere sul blog scrivi a mano. Ho dormito nove ore ed ero uno zombie, mi chiedo come sarà la settimana prossima dopo l’incontro STS. Comunque, dai nonni si dorme sempre bene. Abbiamo fatto colazione e la mia era composta da fette di pane tostato imburrato con patè e formaggio, una tazza di tè, del succo di frutta e dello yoghurt fil (che loro chiamano latte fil “filmjölk”

Tranquilli farò una colazione così abbondante solo questa settimana, una settimana da vichinga diciamo :D.

Ho pensato: perché gli svedesi stanno sempre a mangiare, fare fika due volte al giorno, non pensare a quali sono i cibi salutari e nello stesso tempo riuscire a non ingrassare? Il pensiero mi ha fatto arrabbiare, anche con me stessa che mi preoccupo sempre tanto 😀 quindi durante questa settimana mangerò quello che voglio ma starò sempre all’aria aperta. Il mio nonno ospitante ha detto che durante il giorno nella veranda diventerà fin troppo caldo, che dovremo aprire le finestre…. e si parla di 25°! Finalmente!

La nonna cucina il pranzo/cena. Verrà a mangiare uno dei fratelli di Katarina (la composizione della famiglia mi ricorda quella mia qualche anno fa, prima che mio zio si sposasse, e la cosa è un po’ curiosa 🙂 ) e Britt-Marie sta preparando il filetto di manzo (non è molto diffusa la tradizione dell’agnello). La Svezia già mi manca. L’odore della cucina svedese, che prima mi faceva venire la mancanza di casa, e che mi faceva prendere a volte a male pensando al fatto (sbagliato) che la cucina svedese giri solo intorno a panna, dolci e carne. Mi mancherà la tranquillità. Prima non riuscivo a posare le posate per parlare con qualcuno mentre mangiavo, perché in Italia non si fa. Ora non riesco ad immaginarmi al ritorno senza fare così. Ci sono 11° all’ombra, è ora di andare a prendere il sol. Ci sentiamo questa sera 🙂

Eccomi di nuovo qui. Pasqua è stata festeggiata, al contrario delle mie aspettative, con cibo a volontà (metto le foto, ma è stato lo stesso cibo di ieri, buono quindi).

La tentazione di Johansson nessuno la sa fare meglio della nonna. Dopo il pranzo abbiamo fatto un’altra passeggiata al sole. Stamattina prendendo il sole mi sono bruciata (facevano 20-25°), e durante la passeggiata sentivo freddo ahahah.

Comunque abbiamo trovato una pietra runica e visto un asilo costruito ecologicamente. Al ritorno abbiamo fatto fika ed assaggiato un liquore al rabarbaro, sockerkaka e biscotti vari.

Parlando con il nonno di un castello che si chiama Taxinge slott, e raccontandomi di una pasticceria che si chiama kakorslott (il castello dei dolci), Katarina ed io siamo scoppiate a ridere a crepapelle pensando al fatto che di qualsiasi cosa si parli, si riesce sempre a collegare il discorso al fare fika, ovvero a mangiare dolci! E questo è tipico svedese e ci ha fatto particolarmente ridere. Ora stiamo guardando mästan av mästarna (il migliore tra i migliori), una gara di avventure tra i migliori atleti svedesi. Domani visiteremo il castello di Mariefred “Gripsholms slott” appartenuto ai Vasa. Vi lascio ora!

Ci sentiamo!

 

Quando finalmente riesci a sudare

Vigilia di Pasqua (Påskafton), 19 aprile 2014

Ecco il primo giorno delle mie vacanze pasquali, o meglio il secondo ma il primo “in viaggio”. Mancano due mesi al mio ritorno, mi sento piena di energie per cogliere ogni secondo vissuto qui in Svezia. Dell’Italia non mi manca più niente. Aspettate, quando dico così intendo che quando ci penso non sto male. Ma ovviamente sarà bello ritrovare tutte le cose familiari. A volte penso sia il tempo passato che aiuti ad avere meno nostalgia, anche se suona strano.

Ma in effetti sono i primi mesi ad essere difficili, poi in una giornata di aprile ti ritrovi improvvisamente a ricordare che hai un’altra vita qualche chilometro più in giù. Non scherzo, succede davvero, ti succede di dimenticarlo. Ti succede di infilare parole svedese quando parli in italiano, di parlare in italiano traducendo dallo svedese (e come potete forse immaginare, i risultati non sono dei migliori…).

Non hai più l’acquolina in bocca pensando alla cucina italiana, o alla cucina della nonna. Non ti manca più il cinese sotto casa, e poi si, inizi a pensare che se hai vissuto otto mesi senza tutto quello con cui hai vissuto diciassette anni, forse puoi farcela anche per più tempo. Ma il ritorno ancora non è arrivato, non so quali emozioni proverò, ma ci tengo a dire che un’ora fa, da Stoccolma ad Åkers styckebruk, ho scambiato una torre illuminata che forse era un centro commerciale, per la cupola di San Pietro.

Ieri sera abbiamo visto “The Rock” e “Speed” a casa. Come dicevo, o forse no, in questo post racconterò di questa giornata, che teoricamente sarebbe il giorno più festeggiato del periodo pasquale (o no?! qui in Svezia ogni famiglia ha le sue abitudini anche in fatto di festeggiamenti!), e della giornata di ieri.

Ieri, venerdì 18 aprile, ho iniziato a fare la valigia per la settimana dai nonni ospitanti materni e per il week end STS a Stoccolma. La mattinata è passata molto velocemente, con l’angoscia di essermi accorta quante poche cose siano entrate nel trolley rispetto a tutto quello che è rimasto nell’armadio!. Ho aiutato Katarina a preparare il pranzo (mangiato alle tre e mezza) perché sono venuti a trovarci Monicha e il compagno ed un fratello di Micael.

Quello che vedete qui sotto è stato il nostro pranzo di festa (una specie di festeggiamento di Pasqua anticipato). Per iniziare antipasto con una fetta di prosciutto crudo (italiano!!!!!), una fetta di tacchino ed una fetta di prosciutto cotto svedese, rucola, melone invernale e insalata mimosa (qui la ricetta in svedese, se siete interessati).

Come piatto principale tipico dei giorni di festa, abbiamo mangiato del salmone (viene affumicato da intero, e si vende intero “plastificato”). È buono, ma gli svedesi non sono ancora arrivati ad una soluzione valida per mangiarlo senza un sacco di spine, pari come intelligenza alla scoperta dell’ostkniv (coltello/spatola per il formaggio) e lo smörkniv (coltello/spatola per il burro). In ogni caso, viene servito con una salsa fatta con creme fraiche (mi raccomando quella più grassa!) e hjortronsylt ovvero marmellata di “more artiche”. Da non scordare le immancabili patate! È da dire che ogni giorno a mensa nella scuola mi capita di assistere alla seguente scena:

uno studente, il più delle volte non svedese (io per esempio) non prende le patate e una delle signore che lavorano alla mensa dicono qualcosa del genere: “niente patate oggi?!” oppure, “prendi le patate” o ancora, “non ti piacciono le patate?”. La comica è stata quando un ragazzo vegetariano o non so cosa ( a scuola ci sono tra i pasti alternativi i piatti SENZASOIASENZALATTESENZACARNESENZAMAIALEESENZAMUCCA!) ha detto “ah no, allora non posso mangiarlo se c´è questo…”. La donna con cui stava parlando ha risposto seriamente, e quasi arrabbiata “però le patate puoi mangiarle!”. Avete presente il film “il mio grosso grasso matrimonio greco (è da vedere!). Ecco lo spirito è quello.

Tornando al pranzo, che è finito con un pie all’ananas ed un cheese cake, ieri è stata una giornata perfetta. Ero felice di riuscire a capire tutti i discorsi, riuscire ad intervenire e magari fare anche ridere conoscendo ormai l’umorismo svedese e la lingua. Non è stato triste come Natale, e questo è stato ottimo! Inizio ad assaporare gli ultimi aspetti della mia vita qui: i cibi di festa, i pranzi in famiglia, e perché no anche la pulizia della mia camera (che è enorme!).

Ma torniamo ad oggi. Mi sono svegliata ed ho fatto colazione. Mi sono fatta una doccia, chiuso la valigia ed insieme a Micael ho guardato la cartina di Stoccolma. Alle dieci siamo partiti verso Stoccolma e a mezzogiorno e mezza eravamo ad Örebro dove, come di consueto sulla strada si Stoccolma, ci siamo fermati a mangiare da Pizza Hut. Verdure e succo di lampone a volontà! Pochi chilometri fuori Stoccolma siamo andati a trovare uno dei fratelli di Micael che abita con la famiglia in una villa (enorme!) costruita nel 2001 ed arredata secondo il design scandinavo moderno, nonostante la struttura esterna segua sempre lo stile tradizionale delle case di legno svedese.

È stato interessante vedere un tipo diverso di abitazione e molte altre cose che mi saranno utili per il mio lavoro di architettura per la scuola italiana. C’erano 18°, zero vento e sole! Abbiamo fatto fika sul balcone e poi fatto una passeggiata di un’ora nei dintorni.

Tornati a casa abbiamo aiutato a finire di preparare la cena. Questa è stata la cena di Påskafton, ovvero il giorno prima di Pasqua, senza aver sentito mezza volta gli auguri di Pasqua.

Ecco le foto dei piatti disposti come un buffet, ai quali ormai sono abituata. Non mi mancano più i vecchi cibi italiani, quelli svedesi sono già abbastanza buoni 😛

 

A strange feeling after the Easter break

Today an exchange student from Germany has been killed in USA. It is true, he was in a place where he should not have been, but it is terrible that because of the weapons permission the owner of that garage shot two times to a boy of seventeen.

Rest in peace.

 

27nd April 2014
Hej!
I just got in my bed, finally at home.
My feet are hurting, we walked a lot and it was very hot every time, starting from the morning.
I really missed to write the blog and now I have like ten days to write about, and this stops me a little, but I will find the time 😀

I will talk about the last week in the next days, now I just want to say how I feel in this moment. I got off from the train from Stockholm at 20,10 and Micael and Rebecca picked up me at the station in Karlstad. We talked a lot despite I thought I would have been very tired to talk, but we were happy to see each other again. I missed the countryside a lot, being in Stockholm has been very tiring. Thinking that Stockholm has just one third of the inhabitants of Rome, I think how difficult it will be once back home.

 

I am used to little places now, to trees everywhere, to the silence and to the song of the birds, no smog and no traffic.

But I was thinking about the strange feeling I had once at home. We drove more or less for an hour to Uddeholm. The sun was shining and the sky clear.
We talked a lot and my Swedish was better then the last week, because during the week end with the other exchange students I did not talk that much Swedish because everyone lives in different host countries (Sweden, Norway, Denmark, Finland). During all the travel I felt very happy, something was different. The spring has arrived, days are getting longer every day more, and a lot more. I missed Värmland, a little more north than Stockholm, with longer days.
Yesterday for the first time, I went to bed with the sun (nearly) still shining. The sky was blue and I decided to do not take down completely the curtains because wake up with the sun and go to sleep with a lightly sky it is wonderful.
The feeling I had on the way grew up always more, until we arrived to Uddeholm, and there my body showed it to me as clear as possible. What I felt was exactly how I felt when I arrived here in Sweden, at 22.00 of the 15th of August, last year. I was very happy that day, so excited to start a new life, to start to live far from my family, to learn a lot about Sweden. It was not so much different from that day, when yesterday we arrived at home. I had almost the same luggages, my STS backpack and the pink trolley. It was almost day, there was the sun. And it was not cold, it was almost 15°.

Yesterday I had a lot of deja-vu one after the other. My host father said to me when we were in the car: “När gick vi i sängen, Katta och jag sa “det finns någon som saknar!”, vi måste säga att du saknades mycket hemma!” (When we went to bed, Katta and me said “there is someone missing!”, we have to say that you were missed a lot at home!”. So I was very very happy, because feel completely in a family it is not easy.

And maybe a little of my happiness is because of the spring and because I have just only two months. Two months and then I will find my old life, even if nothing will be like before, everything will change and I am sure it will be very difficult to get used again to my old/new life. But when you have two months left, and the Easter break before them helps you to relax a little and get a lot of Swedish in your head, you start with more energy and you do not think about homesickness and what you miss, but you even realize that maybe going “home” now it is not the first thing you would like to do. Especially when the spring finally arrived to Sweden.
I have to go, I will write a lot about the last week, I will post a lot of photos and write the most as I can during this two months, to end as best as I can the spring part of the blog.
Have a great time

Rossella

Lavori primaverili (parte due) e vacanze di Pasqua

Mi capita di voler scrivere in più lingue possibili, di rendermi conto che l’italiano non mi soddisfa più, che tutto scorre troppo velocemente sulle righe dei miei post.

Mi capita di voler pensare profondamente a cosa mi farà felice una volta tornata a Roma, perché inizia a mancarmi sempre di meno la mia vecchia routine.

Mi capita ultimamente, di pensare che questo blog in fondo è inutile. Ma dopo penso che c´è un sacco di gente interessata alla Svezia, alla mia vita qui. Ma è, in fondo a tutto, davvero inutile scrivere?

Il fatto è che questo blog a volte mi aiuta a staccarmi dall’Italia, o meglio nei mesi passati mi ha aiutata a sentire meno la nostalgia. Ora lo utilizzo per far sapere qualcosa della mia vita a chi sta in Italia, a chi magari sente nostalgia, e questo mi divide un po’ da tutti quanti, con i quali non ho più così tanti contatti. Per questo inizio a vedere il blog come un ostacolo al mio ritorno in Italia, ma me ne frego, direi che è il caso. Questo è il mio centosettesimo articolo. Gli ultimi due anni della mia vita sono qui, come faccio a non esserne profondamente affezionata?

Come promesso, ecco alcune foto del giardino “in fiore” e della decorazione della casa

La vita qui è ottima ormai, mi inizio a domandare come facevo a divertirmi in Italia, tutto mi sembra stupido da qui, ora che la routine è diventata parte di me stessa. In poche parole, vedo solo i lati negativi!

Ma so anche che troverò magnifici amici al mio ritorno, quelli che si sono sempre preoccupati anche quando ero così lontana, quelli ai quali ho scoperto di essere più legata di quanto credevo.

Ho realizzato che non ci sarà nulla di facile al mio ritorno. Per iniziare, tornerò a Roma il 22 giugno, circa 30°, smog… è difficile spiegare il resto delle difficoltà, ma semplicemente consisterà tutto nel confrontarsi, di nuovo, con una “nuova” cultura alla quale non sono più abituata. Per non parlare di tornare a parlare per ore e ore una lingua che non ho utilizzato così spesso per mesi. Ma ce la farò!

Meno di un’ora fa sono tornata da scuola. Sarà un po’ triste lasciare scuola per una settimana, proprio ora che posso dare il mio meglio nello studio avendo imparato la lingua abbastanza bene e non avendo nostalgia dell’Italia, e vivendo nella routine al cento per cento. Domani avremo una piccola cena/pranzo (si mangerà alle 16.00) con alcuni parenti. Inizierò a fare la valigia perché sabato mattina andremo dai genitori di Katarina a Åkers styckebruk, un’ora da Stoccolma. Ma prima andremo da una delle sorelle di Katarina che abitaanonmiricordodovemacredosottoillagovänern. Le previsioni del tempo promettono bene, speriamo bene! Festeggeremo Påskafton, ovvero il giorno prima di domenica e poi andremo a dormire dai nonni ospitanti per tutta la settimana. Tra i progetti c´è quello di visitare il castello di Gripsholm, appartenuto a Gustav Vasa, ed il parco inglese vicino ad Åkers Styckebruk. Insomma sarà una bella settimana, tempo permettendo, e sperando di non dover mangiare troppo ahahah.

Micael tornerà a casa lunedì per lavorare mentre Katarina, Rebecca e Marcus torneranno a casa giovedì. Io rimarrò a dormire dai nonni ospitanti (quanto si dorme bene lì!) e venerdì prenderò il treno per Stoccolma, dove mi incontrerò con gli exchange students insieme ad STS. Questa volta saremo 26 e ci saranno anche studenti che stanno facendo lo scambio in Norvegia, Finlandia e Danimarca. Dormiremo nel quartiere antico di Stoccolma (Gamla Stan) in un ostello och det låter så mysigt (suona così accogliente!). Ma anche triste perché dopo questo rimarrà solo un mese e mezzo di scuola, ma cerco di non pensarci!

Comunque prima di incontrarci con STS incontrerò altre exchange students a Stoccolma e cercheremo alcuni souvenirs, felpe o magliette, e mangeremo qui, che è una delle più famose pasticcerie e panetterie di Stoccolma (ed è pure vicina alla stazione!).

Ritornerò a casa, distrutta, con un viaggio in treno di 3 ore, e un’ora di macchina, verso le nove e mezza di sera.

Con la mia famiglia ho viaggiato tanto. Sono sempre stati viaggi per andare a trovare dei familiari ma è stato comunque emozionante. La possibilità di parlare svedese con altre persone, di allenarsi a sentire altri dialetti e convivere con altre abitudini familiari, vedere nuovi modelli di case scandinave, la sfida di riuscire ad ambientarsi velocemente in case diverse, alberghi, stanze E vedere di come sia sempre più facile sentirmi a casa, anzi, di come mi riesca a sentire a casa di più in luoghi diversi dalla mia reale casa, a volte è un po’ angosciante ahahah.

Ho proposto ai miei amici di fare un pic-nic nel giardino quando sarà più caldo, durante maggio, e visto il tempo di oggi nuvoloso, freddo e piovoso, abbiamo scherzato sul fatto che magari si sarebbe potuto fare oggi. Gli svedesi scherzano, e pure tanto, è solo da abituarsi al loro modo di vedere le cose.

Amo il mio professore di matematica, e lui ama il suo lavoro. Ha 67 anni e non è ancora andato in pensione. Ha degli acciacchi per i quali ci facciamo tutti insieme un sacco di risate, professore compreso. Abita a Uddeholm e quando vado in bici lo incontro sempre passeggiare con la moglie, che è collega di Katarina. Facciamo due chiacchiere e inizio a pedalare.

Dicevo, ieri durante la lezione ha fatto due battute che a me hanno fatto ridere da morire.

Quando c’era un calcolo che includeva 17 alla seconda e ci abbiamo messo un po’ prima di rispondere, lui dice ironicamente: “perché, non l’avete imparata la tabellina del diciassette?”. Sarà il fatto che finalmente capisco la lingua e quindi ogni battuta e discorso, o che il prof è un tipo particolare, o che magari la battuta era davvero comica (non per gli svedesi comunque) ho riso davvero tanto.

Quando è entrata una ragazza in classe per cercare una professoressa, e ha detto a Stellan “jag trodde det var Marita” (credevo ci fosse Marita) quando è uscita Stellan ha detto “hon märkte det på en gång i alla fall” (se n´è accorta direttamente almeno!) riferendosi al fatto che lui non era una donna. Sono battute sottile alle quali bisogna farci l’abitudine. Comunque, alle battute italiane ho perso completamente l’abitudine, ma tornerà 😀

Parlando di parentele in un villaggio così piccolo… c´è una maestra di Marcus, che ha una figlia che gioca nella squadra di Rebecca e un figlio che va in classe con me. Poche coincidenze eh?

Comunque vi ricordate che vi ho parlato della mia prova nazionale di svedese (se volete leggere l’articolo ne parlo qui 🙂 )? È stata una giornata fantastica. Poi la sera vado su facebook e scopro che qualcuno aveva scritto sulla mia bacheca (quel qualcuno è un ragazzo, ebbene si! Un ragazzo svedese mi si fila dopo otto mesi, con la primavera anche loro si sciolgono!). Vado a leggere senza capirci nulla dalla felicità e vedo che mi ha scritto che era “rimasto impressionato dalla mia prova in svedese, e che avevo fatto bene come loro che hanno lo svedese come lingua madre avevano fatto, ottimo lavoro!”. Con seguito di mi piace da parte dei miei compagni di classe, che posso finalmente chiamare compagni di classe. Ero quasi commossa.

Cavolo! Otto mesi per raggiungere questo, forse qualche settimana di meno, tutto che va a meraviglia. Ma sono davvero orgogliosa del traguardo, non importa quanto tempo ha richiesto, e cerco di non vedere i lati negativi di molte cose, sono semplicemente felice. Dopotutto finché non si impara la lingua bene, è difficile infilarsi completamente nella vita svedese.

Se pure ci sono molte cose che mi mancheranno, e non riesco a vedere troppe cose che mi faranno felice al ritorno (anche se so che quando sarò tornata tutto sarà diverso, confuso ma diverso, e bello in qualche lato), mi basta pensare ad un piatto di pasta all’italiana e mi torna il sorriso! 😀

Oggi a scuola come ultimo giorno prima di Pasqua a mensa c’erano i cibi tradizionali del giorno di Pasqua, che sono uguali a quelli del Natale (che fantasia sti svedesi eh? 😛 ). Questo vuol dire prinsesskorv (mini wurstel), köttbullar (polpette di carne), sill (aringhe), bröd (pane), bruntsås (salsa marrone, ebbene si, quella di IKEA 🙂 ), ägg (uova).

Adottando la tradizionenontradizione svedese di mangiare come normale durante la quaresima, e soprattutto dopo il mercoledì santo, ho approfittato del buon cibo dopo giorni di solo vegetariano a scuola. Era buono!

La tristezza è a mille a volte, il tempo è passato in fretta. Tre mesi di mezzo ambientamento. Le settimane seguenti per un ambientamento ancora migliore. Le prime settimane di vacanze passate con la famiglia ospitante di completa nostalgia di casa, perché per ogni cosa che succede confronti le due famiglie. E questo è successo nei primi mesi in qualsiasi attività quotidiana, a casa come a scuola.

Poi l’arrivo della primavera, la neve che si scioglie, i fiori che iniziano ad arrivare (ma gli alberi verdi si vedranno a giugno!), i giri in bicicletta durante le giornate di sole, le giornate che si allungano a vista d’occhio (ora abbiamo quasi quindici ore di luce)

Per non parlare di tutte le cose dimenticate successe nei primi mesi (non perché non son ostate belle, se ci penso me le ricordo, e le so, sono ancora nel mio cervello, semplicemente seppellite un po’ troppo in basso!

Riguardo le foto che ho pubblicato qui sopra. I rami tradizionalmente utilizzati per decorare la casa sono rami di betulla, ma noi abbiamo preso quelli dell’albero di mele che sta in giardino. Ho chiesto a Katarina perché si utilizza la betulla e mi ha detto che anticamente (non sapeva quanto tempo fa) i rami di betulla si usavano per la flagellazione. Ok quello che ho scritto non è tanto divertente, ma è cultura ahahah. Sono rimasta sconvolta dalla risposta ma almeno ho ricevuto risposta.

Decorare la casa non mi ha procurato tristezza come era successo per Natale, ovviamente, perché la nostalgia di casa ormai è superata, grandi ostacoli superati!

Nelle uova pasquali svedesi non c´è molta cioccolata ma più caramelle, dai che mi salvo questa volta, a me le caramelle non mi fanno impazzire!

Non hanno le uova fatte di cioccolata, o almeno non quelle grandi che abbiamo in Italia, ma riempiono le uova di ceramica o di carta, e hanno solo gli ovetti di cioccolato e zucchero.

Oggi a scuola ci siamo divertiti tantissimo, non so se era l’adrenalina dell’ultimo giorno, o il fatto che finalmente riesco a seguire tutti i discorsi tra amici (parlando i più svariati dialetti, per ora ne capisco tre) e riesco ad intervenire quando voglio. Oppure il fatto che il mio accento è davvero divertente a volte, per non parlare degli errori che escono dalla mia bocca a volte, grazie ai quali ridiamo davvero tanto. Per fare un accenno, ieri parlavamo di chi è stato battezzato, e io in svedese dico “jag har inte varit dopad”” che significa “io non mi sono dopata!” invece di dire “jag har inte varit döpt!”. Abbiamo riso fino alle lacrime!

 

Vi lascio ora. Ci sentiremo al mio ritorno, ovvero fra una settimana e mezza. Intanto vi auguro buona Pasqua, ovvero Glad Påsk 🙂

Hejdå!

National test, eight months here (time stop you!)

I want to write, finally after a long time though I promised to do it more often.

15 August-15 April. Sometimes it was hard, felt like the time never passed, today it is not part of those periods!

I do not know who is going to read all this post, it is heavy even for me! But there is some “pearls of wisdom” and I have to say that I really like it, so I just need to wish you good luck!

Today is a big day, one of those days during an exchange student grows more then other days, in which he/she feel more safe of herself, finding out that the learning of the language is following a great line. I finally made a deal between the swedish food and the need to eat like the italian way.

The spring is running away. I have been sick some days after the sport break, but it was not for this, because until now we had other four weeks of school. It was just because it is actually flying away.

It was not so much time ago that I looked forward to meet the other exchange students in Stockholm, but now that it is only one week and some days left to be part of the STS meeting I feel very confused. Because on Friday the Easter holidays will start, because we will go to celebrate it near Stockholm by Katarina’s grandparents, because after that I will be there with the other exchange students, already!

I feel sad because it will be the last time in Stockholm, the time everyone will shop some souvenirs and send postcards, the last time I will see a lot of people between the exchange students, and because there will be a lot of exchange students arrived in Sweden just some months ago and still have five or six months left.

I feel confused because after that, going home on the 27th of April there will be three days of school, and then again some other kinds of celebration, like Valborg on the last day of April, and two days free from school again (the first two days of May)

In little words, this is the day in which the exchange student actually does not want to go home.

We got a place where to live, where to start to make friends, to be able to cohabit with, despite a lot of things we did not like (and now we are not be able to recognize which they actually are, because we got used to them)

This is even the period during the other side of the exchange students’ family, those that will leave in less then four months, experiences a lot of different emotions, the same that we personally experienced some months ago. Those feelings that helped me to study hard during the third year of high school looking forward to leave that chaotic city that was Rome. That period in which I started to do not stand a lot of people just because I wanted to leave as soon as possible, because when I would have been back I would have had time to live my routine a lot of times again and again, I know that I was not loosing so much there.

So I want to say good luck to the future exchange students. I want to recommend those that will go to a Scandinavian country to collect as many hugs and kisses as possible because you will miss them (I mean both friends, family and hugs, but especially the hugs! do not want to seem a cold heart now!). I do not say to do not have expectations because I know it is completely impossible, but a thing that I ask you to do, and that have been difficult for me, is to minimize as possible as you can your prejudices. It is difficult because prejudices does not always mean racism, or at least not the strong form of racism. We exchange students describe us like not racist people, and for this we do not realize before we face a big change of culture, that we collected prejudices about other cultures since we were born, and that they go out just when we have to know people from different countries. So, be strong and really leave prejudices!

I had a period during which I had a strong homesickness, especially during the winter. Now I write often on chat to my family but we have video chat more or less one time for month. And I do not want to see like a stupid person and without a heart but I really do not need to have video chat. I understand how difficult can it be for my family because they always have the same routine, that was actually the one I was tired of! so why should that look strange?!, but I have another life, and two months and a week to fill as much as I can with feelings, experiences and as much as I can. The thing I feel very much inside me, I mean the reason because I do not need to talk that much with my family longer now, it is because I am afraid I will not have many things to be happy of when it will be the time to leave and go back to Italy. Because changes are never easy, especially between countries (and cultures!)

I started to think about this a long time ago, but I was able to write it down in an acceptable way just today. Do you want to know why?

I had the so called “writer’s inspiration”. This because after a long time, no it was just some weeks, I did the national test in Swedish. It is a test every student has to do for English, Maths (or at least we that study the nature class) and Swedish. The result will give a big importance for the final grade, if you take B for example, your final grade will be B. Grades are very important for the students of the Swedish schools, because starting from the high school, I am not sure of it but maybe even from the elementary school, the database with the grades of every student is linked to the databases of every University that can see if a student that wants to apply for any faculty, has actually the required grades.

I do not need to do these tests, but it is a great way to test my Swedish and be even stronger and safer of myself. So, this part of the test was the oral one (muntligt provet) and we had to prepare a presentation with Powerpoint. The argument for this year was “Olika världer” that means “different worlds” and that was great for me. Among the ideas that were on the guidebook for the test there was a clue, namely “Livet på staden eller liver på landet” that means “the life in the city or the life in the countryside”.

So my work was titled, in Swedish “The life in the countryside or in the city, Rome and Uddeholm”. I talked about the school, the religion meaning, the homofobi and the racism, the food, the weather and the social culture, with this the relations between persons.

We had to talk at least 3 minutes and most 7 minutes. I talked for four minutes and fifty seconds, and I was very happy of my job. I was very nervous, I forgot something I wanted to say and my voice trembled always more, my face was completely red and I got warmer and warmer (could heat a sauna if I talked some minutes more!). My hands trembled too, I got some sheets and they moved so much I could hardly read them. But I could handle with it, and I look forward to the next presentation we have to do, hope there will be one more!

I do not know why I was so stressed to talk in front of my class, we are in total nineteen, because it is normal that they do not make joke of someone that tried to learn the language in eight months.

I really had to think a little about it to make myself a little more relaxed, but! When I talk with someone that does not speak my language, this is the importance I give to the different sides of the speech, from the most important to the less one (or at least the things I would like everyone to think when they talk with me)

  1. Understand what they say
  2. Answer in the easiest way I have to be understood, and do not put him/her in a difficult situation, to do not put him/her in a situation of stress
  3. Do not show what I think of its knowledge of the language
  4. Think if he did make use of the time he had to learn the language
  5. (Maybe) laugh about some mistakes, but not to be unkind

Yesterday I started to sleep at 11 p.m. but this morning I woke up at 6 a.m. a little after the sunshine. I was full of energy (what 14,27 hours of lights do!)

Yesterday during my free time I found this website, very useful 😀 (some day I will make the Chinese proficiency!)

I do not want to leave, because I know how difficult it will be. How difficult it will be to face the different culture, yes, one time again! Because I feel strange when someone wants to hug me here in Sweden, when it was normal some months ago (maybe it will come back easily if it will happen with Italian friends). I wrote something about it that I wanted to share during my presentation today, but I forgot to say it because I was very restless. I wrote that in Italy we use to hug and kiss on the cheeks almost every time we meet. Writing it I realized how this could be maybe embarrassing for me the first times I will do it again, once in Italy. Can it be this the reason why we get flue so often?

I got special friends that do not worry if it takes one minute for me to say easy things, and many more for them to understand what I try to say.

I got friends that listen each of my mistakes trying to speak Swedish. Like when I wanted to say “schedule” (schema) and I said “sailor” (sjöman). It does not look but they have very similar sounds.

A memorable mistake happened some days ago when we had the theatre in school, I will talk about it some rows after. I asked to my friends, or at least I WANTED TO ASK “were should we sit?, do you want to sit behind?” but what I actually said was something like “Var ska vi sitta? Vill ni sitta bakfram?” that means “Where should we sit? Do you want to sit backward?”.

Another one, less funny, was when I said “finger of the foot” instead of “toe”, in Swedish the rule is the same of the English one, but not in Italian!

Going home with the bus, listening to “I love it” by Icona Pop, a Swedish group, and finding out that you can understand what do they say in the start of the song, oh not completely, but almost everything. That is wonderful!

Today during Swedish class we started to watch the film “Top gun”

During the week end the wind recommended me to stay at home, studying for my Swedish test and watching “some” films. I started to watch “Desperate Housewives”, “Glee”, watched the entire film “The Vow”, all of them in English/American with Swedish subtitles, and for what concerns the Swedish ones, I started to watch “Pippi Långstrump” (Pippi Longstocking) and continued the second season of “Solsidan”. No subtitles, but I understand almost everything, What a joy!

The last period is really the worst of all the days spent here, but in the same time the best. Because you have been able to see which are the things you fill feel the absence of once in the other home, and you experience them as possible as you can. You moved for more or less a year and you started to give importance to the smallest things. There is not so many italian friends writing to you longer, just those you found out are the most important. You used to open Facebook and find a lot of notifications and messages, it is not so longer. Maybe it is because you went off from the facebook groups of your old routine, in your home country, maybe because it is actually you that does not write to them as often as you used to do when you had homesickness.

My family is afraid I had to much homesickness and that sometimes I did not like so much my life here. I can understand their feelings, being one of the contacts I have with Italy, the most of the times it happens that I need someone to talk with about the things I really miss, and the things that maybe sometimes I cannot stand of Swedish culture (because you cannot conceal that it happens when you face every “switches” between cultures, and there are not a person in the world that does not find something “wrong” in at least one culture).

The wind blows from North, 7 m/s that feels even more because we are near to the lake and those white and blue waves does not help to decide to take the bike, or at least, I know hot it could feel if I took the bike. I did it on Saturday. I am now used to cycle to Råda, 15 km from here, with the seventh gear. On Saturday I was on the fifth but felt like on the tenth!

To be host of another country changes you. I got a questionnaire on the bus going home some days ago, I would not ever done something like this in Italy!

2048 is the new mobile phone game everyone started to play with in Sweden. When I came here the first time I realized that teenagers have a “mobile phone wave” almost one time for week I was very upset by that. I used to think, do not they have nothing better to do then stay hour playing with that telephone? But now it is different. Today I started to think that it is something very funny to share the same game for some days, even if that can looks very ASOCIAL sometimes, but who cares? it is goes fast!

I need to go now, hope you liked the post. Färjestad match is waiting to be watched.

Ha en bra kväll! (Good afternoon!)

L’università delle scienze agrarie

Non so perché, o forse si, ma non ho l’ispirazione per scrivere se non sono sdraiata nel mio letto sotto il piumone, con la schiena appoggiata a due cuscini sulla testiera del letto, assaporando la luce che alle 19,56 non si nasconde, nonostante il tempo nuvoloso.

Fa freddo, fanno cinque gradi e piove

Il tempo qui in Svezia è di un’insicurezza assurda, ma nello stesso tempo le previsioni del tempo svedesi riescono ad essere più precise di come non lo siano quelle italiane.

Tornando indietro di qualche giorno, venerdì siamo andati a Karlstad a fare un po’ di shopping.

Faceva caldo, c’era il sole e sono uscita in maniche corte. Quando viaggio in macchina sento la musica e i pensieri volano, è bellissimo. O almeno, negli ultimi mesi è bello, ma all’inizio è stato terribile.

Faceva caldo perché volevo avere caldo, ma faceva comunque freddo (5°!). Non so se sono felice perché finalmente la primavera è arrivata, o perché l’Italia si avvicina sempre più, o perché questa sensazione di libertà primaverile mi ricorda le prime settimane qui in Svezia, dove tutto era nuovo e tutto andava alla grande, in cui ero ignara di tutto, in cui ancora non ero cambiata, o almeno non così tanto. Credo che i motivi per qui mi sento felice ora siano i più vari, tristi e felici, semplicemente emozioni che prima o poi si provano, e che mi fanno crescere e amare questa esperienza ogni giorno di più.

Sabato siamo andati a mangiare da Monicha, la mamma di Micael, dopo aver fatto un po’ di lavori di giardino (questo è il post). Monicha ha regalato a me, Marcus e Rebecca (si mi sento terribilmente bambina quando succede! ahahah però ne sono felice dai!) un uovo di porcellana pieno di cioccolatini.

 

Ieri io e Katarina abbiamo avuto il colloquio con la mia mentore per parlare di come va, a cui vanno tutti gli studenti. Tra tante cose abbiamo parlato di università svedesi e la mia mentore mi ha consigliato questa università che ha tra l’altro una sede vicino Lund ed una ad Uppsala. L’ambiente è internazionale e le facoltà presenti ruotano intorno alle materie ecologiche e biologiche (tra l’altro c’è anche architettura del paesaggio).

Comunque il mio piano rimane sempre quello di finire il liceo e fare l’au pair per qualche mese in Spagna, imparare la lingua, fare il pellegrinaggio di Santiago di Compostela e poi iniziare l’università. 🙂

 

Spruzzi di acido lattico

Ebbene si, arrivata la primavera ho ricominciato a pedalare con la mia cara bicicletta (non è mia ovviamente, e ha le ruote rosa! ahahah)

La mia cena oggi è stata una tazza di riso latte caldo (in svedese “gröt”) condita con cannella in polvere e marmellata di lamponi “lättsockrad” (leggermente zuccherata, si si fa per dire qui in Svezia!). È una delizia, ed ha lo stesso contenuto alimentare di un piatto di pasta

Se non avete programmi per la serata quando è buio uscire fuori per vedere le stelle. Marte si dovrebbe vedere molto bene proprio oggi perché sarà in opposizione con la Terra! 🙂

 

Questa è la pubblicità di “Svenska spel” (la “lottomatica” svedese) che si vede in questo periodo in televisione. Penso sia davvero un modo intelligente di fare una pubblicità contro il gioco d’azzardo per i minorenni.

Quello che dicono nella pubblicità è questo: “si può bere caffè, avere la cravatta, suonare la fisarmonica, catturare una renna, avere un campo di patate, suonare in un gruppo musicale, volare nel proprio aereoplano, avere un cavallo, bruciare una banana, estinguere un fuoco, essere baciato, e anche guidare un trattore. Ma anche se si puó fare tutto questo, non si puó giocare a Svenska Spel se si é minori di diciotto anni. Prima si inizia a giocare più ci sono rischi maggiori ad aver problemi di gioco quando si diventa grandi”

Il mio proposito di scrivere ogni giorno non è andato a buon fine, ma siamo solo alla prima settimana di aprile, vedrò di recuperare.

Domani è giorno di studio a scuola. Sarò sola a casa ( 😀 ) perché Marcus ha una gita con la scuola, Rebecca lavora all’asilo per essere libera venerdì, perché lei e Micael andranno a Malmö per vedere delle finali di innebandy nel week end, e Katarina è insegnante quindi non è libera. Avevo pensato di ciclare (scusate ma viene automatico, in svedese si dice “cyckla”), ovvero pedalare, fino a Munkfors (andata e ritorno 60km totali) ma domani pioverà, e la cosa migliore sarà mettere apposto la mia camera, studiare fisica (dal libro svedese e da quello italiano) per la prova di giovedì, ed abbuffarmi di film in inglese e serie in svedese.

Comunque, giovedì, domenica e ieri ho già biciclettato un po’. Arrivo fino a Råda e torno indietro (ovviamente) e in tutto sono 16 km.

La maggior parte delle volte che qualcuno mi dice che il mio svedese è migliorato, rispondo sempre con “Vad sa du?” ovvero “cosa hai detto!?”

Non riesco più a scrivere un post in italiano se sto sentendo la musica. L’italiano è una lingua difficile.

Ieri il lago era coperto di nebbia, sembrava di essere in una favola di troll (come se ne avessi mai letta una ahahah) e qui in Svezia si dice che “sono angeli che ballano sul lago” (Änglarna som dansar på sjön)…abbastanza poetico che dite?

La mia famiglia mi ha detto che durante giugno, anche se non siamo in Lapponia, durante la notte non ci sarà mai buio completo *gioisce* ma sempre una luce di crepuscolo, che meraviglia!

Aggiornamento da quattro soldi, ma sono stanca, perdonatemi!

A presto!

Lavori primaverili (parte uno)

Sabato di vento, meno di 10° ma in fondo un clima piacevole. Vento dal sud. Certo altrimenti come potevo fare così caldo? 😀

La primavera sta volando

Stamattina abbiamo iniziato a pulire il giardino. Siamo stati fuori tre ore ed il tempo è davvero volato. È da dire che il giardino (tomten, si si chiama come babbo Natale!) è immenso e ci vorranno minimo un’altra decina di ore per rendere il lavoro decente.

Eravamo io, Katarina e Micael a pulire il giardino ed è stato molto divertente, e faticoso!

I compiti di pulizia sono raccogliere i rami caduti e le foglie secche, per portarli vicino alla riva ed accumularli per poi fare un rogo/fuoco (“eld”). Quando finiremo il lavoro inviteremo i vicini per bruciare tutto e ne approfitteremo per grigliare e stare in compagnia. Ora la montagna di rami è alta quasi due metri e con un diametro di 3 metri circa, e siamo solo a un terzo del giardino!

Durante l’inverno mi sono allenata a fare la contadina (le grandi pulizie del giardino si fanno due volte l’anno), anche se in Italia sono abituata a lavorare un po’ nel terreno di mia nonna, e ci metto poco a trasformarmi da studiosa di architettura a contadina con tagli sulle gambe e sulle braccia, pelle secca e tosse da polvere!

Ma pulire il giardino dopo che l’inverno è passato è davvero stupendo, è tutta un’altra cosa. Sinceramente non c´è un serio bisogno di farlo, ma è semplicemente un modo di sentire di più l’arrivo della primavera, stare al sole il più possibile, fare attività e soprattutto mostrare ai vicini un bel giardino 😀

L’altro compito è quello di tagliare i rami secchi delle piante. È stupendo pulire il terreno dalle montagne di foglie secche e scoprire che sotto sono già cresciuti i fiori primaverili, e quelli tipici della Pasqua. Grazie al clima mite di quest’anno, e anche perché la Pasqua è abbastanza tardi (fine aprile) i fiori sono riusciti ad arrivare in tempo. I fiori che crescono sono davvero tanti, grazie al vento e al gran numero di uccelli che viaggiano qui sopra ogni giorno, abbiamo anche i tulipani spontanei! Nella seconda parte del post pubblicherò un po’ di foto del giardino e dei fiori primaverili svedesi.

Dato che c´è luce fino alle otto e un quarto di sera (il crepuscolo dura poi fino alle nove e un quarto circa) lavoreremo anche questo pomeriggio, l’importante è coprirsi!

Fra poco usciamo per andare a mangiare da Monicha, la mamma di Micael. Dalla nonna si mangia sempre bene 😀

Ieri la lezione di ginnastica è stata uno spasso. Abbiamo giocato a cacio con una palla di un metro di diametro, di quelle per fare esercizi con gli addominali o con le braccia appoggiandoci sopra, ma mezza sgonfia. È stato uno spasso! Con tutte le risate che ci siamo fatti abbiamo fatto addominali a go-go senza accorgercene!

Ieri con la famiglia sono andata a Karlstad dopo scuola. Ci siamo un po’ sparsi nel centro commerciale e io mi sono infilata in un supermercato immenso dove c’era tutto (attrezzi per il giardinaggio, mobili, libri, giochi per bambini, utensili da cucina, e cibo), alla ricerca di un uovo di Pasqua di carta, delle uova piccole di cioccolato colorate e dei pulcini (finti ovviamente :D).

Ho trovato tutto e il mio piano è quello di riempire l’uovo di cioccolatini, metterci un tovagliolo di carta, i pulcini e dei fiori presi dal giardino, per regalarlo alla mia famiglia la mattina di Pasqua. Non la mattina di sabato come sono abituati gli svedesi a festeggiare, ma la mattina di Pasqua!, trasmettendo un po’ di tradizioni cattoliche.

Incredibile quanto tempo io abbia passato a dire che non sono religiosa, ma come una volta arrivata qui trovo facilissimo vedere le differenze tra la cultura cattolica e quella protestante, e come mi impegni a cercare di spiegare al meglio qualcosa che riguarda la mia religione, soprattutto perché è una parte importante della cultura italiana!

Ieri la luna era bellissima, appena la guardo mi si accende un sentimento di felicità, è la stessa che tutti quelli che conosco in ogni parte del mondo stanno guardando, non è la stessa cosa se ci pensi solo!

E che cos´è il crepuscolo della sera. Da una parte completamente buio, con le stelle e la luna, e un po’ più giù è giorno, più giù ancora è arancione…e così fino alle nove e mezza circa.

Grazie per le visite, sono arrivata a 3000 visitatori ieri 🙂

Ci sentiamo domani!

Italy, something about you (Second part)

First part of the post 🙂

Here I am again, it seems like I started a challenge between my blog and me.

To write everyday on my blog under the month of April.

If someone would like to do it I have an advice. When you have your inspiration as writer you have to write as much as you can, dividing arguments in different posts. In this way, piling up posts if you do not want to write or just do not have something to write about, you can pick one post the day you want to publish something, and the work is done!

I will talk about some “urban myths” about Italy, heard here in Sweden.

To start, I have to say that:

pizza and pasta are italian

we DO NOT have ketchup on pasta

we DO NOT have kebab meat on pizza

we DO NOT have lettuce on pizza

Caesar sald is not Italian

we DO NOT cut pasta, we roll it! ahaha

a good pizza is not the one with kilos of dressing, but the one with a good bread. Bread for us was and it is currently like potatoes for Sweds.

The most of our pizzas are vegetarian

In Italy we do not eat much, we eat healthy! We are what we eat! And I do not want to become a piece of butter!

So after this, I MUST say that we do not think just about food 😉

 

We are not noisy, it is the Italian that sounds noisy, and if you do not talk loudly you do not get the beautiful of the language everyone talks about outside Italy.

We do not feel so exotic and we think that Argentine and Spain are exotic countries, but after a year in Sweden I can say that yes, we are exotic!

Looking back in the blog, reading old posts, like the one where I talked about the first day of school, or when I started to feel “more in the class” in the first class, make me very sad.

I remembered the first day of school when someone asked me if I talked Swedish and then they turned saying: “she does not speak Swedish at all”! I should be happy to recognize that I can speak good Swedish now, but it is a little time remaining and this makes me sad.

Another day when I tried to know which class I was in and the teacher told me that, but in the same time I heard too many voices from everywhere, and I did not understand anything and I asked if she could speak in English..in the background there was someone smiling that understood how I felt. It is incredible how these little things are printed in my memory!

Going on is difficult. Leaving past experiences and look forward to the next exciting thing to do to have some memories, every time better ones.

With no doubts, this is the strangest and stupid and funny post I wrote until now.

When I have videochat with my family, we nearly cry of happiness, so it was good to decide to do not have so many videochats in the last period. Just one at the end of April, one at the end of Maj and then we will see at home directly at the end of June. Yesterday we had a videochat anyway, but they nearly had an heart attack reading about the post of the April trick (in Swedish, april skämt, in Italian pesce d’aprile that means April fish)

Yesterday we met with the choir of Råda, Ekshärad and Hagfors to train for the concert in the church of Råda this Sunday. The bishop of Karlstad will come to celebrate a mass and it will be a big thing, and we are nearly seventy persons singing!

I was thinking about my return in Rome. Will it be difficult to feel at home again? They say it happens, but I wonder how can it be so.

People escaped from war countries feels at home after decades of years coming back to that place which was their growing home.

I think about the hobbies I will do again and that gave me a lot of happiness. Here I have so much time that it happens to do not use it so much good as I should. In Rome a lot of hobbies make me happy because I do it after I have succeeded with my home-works and study, and I feel very free, but here it is different.

Today I came from school and I took the bike.

It was October the last time I cycled.

I felt so free and I took a friend with me.

It sounds stupid but the friend is called James Blunt.

His songs sound like he was looking for something to give to someone that wanted exactly to listen to that kind of music! It is just wonderful.

I cycled 7 km till Råda, on the other side of the lake.

I could not recognize my home the first weeks I used to cycle until there. It was August or September.

Now I know that it is the smallest one, the one that looks like a cube. It is red and white of course, but there is something that makes it different from the others. There is a little yellow wood door in the backside, that door we use to open when himlen är klart och det blåser inte så mycket, alltså när det är skönt ute! (when the sky is clear and it is not so windy, when it is pleasing outside!).

The door that does not close good and does not even open when it becomes cold in the winter.

The door I crossed last summer to have dinner with my host family, after had jumped on the trampoline.

It is the third house in Strandvägen. It is my home.

Hope you liked the post.

See you soon!

Italy, something about you (First part)

So, hello to everyone again! This post has been written yesterday night, but I could share it just today because yesterday I tried to let as many persons as possible to believe to this post, a simple April trick! I am sorry for who got angry about it!

This week I started to see how fast time is running here in Sweden.

I do not mean that I did not feel it before, but the winter started to pass away and the spring is coming, and this made the things easier.

With this I mean that a difficult side of living here in Sweden is the big difference of light hours starting from September until December, and even if the days started to extend just before Christmas, you are not able to see a big difference until the middle of February.

This did not help me to think “the time is going fast, I have to live these days!” because there was not actually a real day! The hours I spent in school was the only ones the sun shined…and then, to add something worse, this year during the winter we had the sun almost never. And from the start of the year until the middle of February, if not longer, we had just five days of sun.

So, every day I used to think that I looked forward to the coming of spring, and so the time flew. Maybe I am talking too much, every exchange students feel the time running away, but I like to write even without a reason and sometimes “inventing” or just changing perspective of things.

We had a maths test today and it went pretty well, but I think there was an exercise I did wrong because I did not know a word, but I expect to get 12 points out of 21, so I will not have F and not E either, that is something really satisfying! (Never say never, this night, after the test, I dreamed that I will get F!)

It is wonderful how I concentrated so much to do a test that does not influenced at all none of my grades in Italy, and how I really commit myself to do every test since it started the new semester in school.

This is the second part of the post 🙂

Bye bye!

Going back to Italy :(

I write this post with sadness and a very strange face. Do not know what is happening to me right now.

I was just starting to think: “Oh my God the time is running, I really have to make the best of this last two months and a half, otherwise I will regret it, I know it” and the more I  repeated that to myself, the more I felt happy to feel my day as best as I could.

But I had a call.

I have to pack, do not want to explain anything, just want to tell about it.

I thought that I would have had to write this post one day, but not so soon. I knew that I would have seat on the plane, the day of my birthday, writing on my computer, but not today.

The thing that does not change is that the post is as as sad now as it would have been two months and a half later.

It is full of light and I cannot understand how I can say goodbye right now, when the spring is coming.

Peacefully Sweden I love you, I will come back.