Carbone, acqua e gomme da masticare

24 aprile 2014

Diciamo che avere dei nonni mi era mancato abbastanza durante questi otto mesi. Ora posso dire finalmente di aver trovato i miei nonni svedesi, e sono i genitori di Katarina. Stamattina Katarina, Rebecca e Marcus sono tornati a casa e io rimarrò con i nonni fino a domani mattina. Ormai riesco a parlare in svedese quasi di tutto, il nonno ospitante è divertentissimo e la nonna ospitante è semplicemente la classica nonna, che cucina i piatti preferiti dei nipoti (tralasciando il fatto che siano tacos o hamburger 😛 ).

La giornata sarebbe stata già abbastanza piena e interessante perché nel pomeriggio andremo a Strängnäs, un paese vicino a Åkers styckebruk, ma appena svegliata la mia nonna ospitante mi fa “pensavo che potrebbe essere bello fare un giro in macchina nei dintorni per farti vedere la miniera e l’antico mulino” (adorabili questi nonni 🙂 ). Quindi ho fatto colazione, iniziato a fare la valigia per andare a Stoccolma domani, scritto QUALCHECARTOLINA (quindici!) e risposto al richiamo del “Rossella, vill du ha lite fika?” che ormai nemmeno traduco più. Ci siamo seduti fuori con la giacca e i pantaloni al ginocchio (oggi è sereno ma fa abbastanza freddo, perché soffia vento da nord). Abbiamo bevuto apelsin saft (succo di arancia), kaffe, kanelbullar och smörkakor. Abbiamo parlato del tempo e del mio ritorno in Italia, e dell’Italia.

Dopo aver mangiato siamo andati in macchina verso la miniera, abbiamo visto un antico strumento per creare un tubo in un tronco, e visto la montagna di tronchi che nel week end inizieranno ad essere “arrostiti” per fare il carbone. C´è una piccola casetta di legno dove due persone dormiranno per circa due settimane, per controllare la temperatura della brace.

Le ceneri dell’anno precedente vengono utilizzate per coprire i tronchi e rallentare il fuoco ogni anno.

Da cenere e sabbia nasce, da quello che ho capito, sciogliendosi una sostanza protettiva che viene usata sul fondo delle barche di legno come protezione (tjärdal-catrame). Mentre osservavamo la ciotola dove viene prodotta ci accorgiamo che davanti ai nostri occhi c’era una lepre che poi è scappata coprendo dieci metri in circa tre secondi.

Hai vissuto abbastanza in Svezia se ti capita di dire: “Vilken fint skog!” (che bella foresta!). È anche da sapere che c´è un albero che in Svezia `”den fullaste”, il più brutto.

E poi…che gli alberi in svedese sono divisi in träd, se la chioma inizia dall’alto come la quercia, e “gran” se la chioma inizia da terra, come l’abete, che viene chiamato julgran (albero di Natale).

La resina del pino marittimo, quando assume il colore giallo, può essere usata come gomma da masticare. Segreti di un nonno svedese che pochi giorni fa mi ha offerto dell’erba cipollina quando eravamo nel giardino, dal loro orto…padre di un’altra svedese che passeggiando nella foresta stacca dell’erba e me la proge dicendo: “ät!” (mangia!).

In svedese anche le foglie hanno due nomi. Blad quando nascono, germogliano, sono verdi e vivono. Löv quando muoiono e iniano a cadere e quando si trovano per terra.

Le allergie dei pollini in Svezia sono causa dall’ albero chiamato björk, ovvero le betulle, mentre in Italia o almeno a Roma, da pioppi, querce, lecci e platani.

Il verbo “googlare” (“googla”) è diffusissimo in Svezia. Sul canale youtube “TheSwedishLad” potete trovare la canzone “ogooglebar” (ingooglabile). La lettera “o” prima di un aggettivo o un avverbio funge da negazione della parola. La maggior parte dei verbi svedesi sono ganska lätta (abbastanza facili), perché il più delle volte consistono solo nell’aggiunta di una a dopo il nome “della cosa fatta”.Suona più vago di una pagina di condizionali e il mio italiano più insicuro di un exchange student alle armi con il suo primo giorno di scuola all’estero…quindi faccio meglio a procedere agli esempi.

-Bad: bagno, bada: fare il bagno

-spring: corsa, springa, correre

-blomma: fiore, blomma; fiorire

-varm: caldo, värma: scaldare

-fisk: pesce, fiska: pescare

-mjölk: latte, mjölka: allattare

A presto

Hejdå!

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...