‘Na città de mille facce

Sai che te dico?

che sto casino de facce, colori e pensieri a me davero me piace

che ve costa fa sto sacrificio?

Oggi eravamo mijaia, bianchi, neri, rosa, co i capelli colorati e le calze già bucate.

non è meglio che st’idea de pulizia ve la levate?

Ve sembro ‘npo’ allibbita?

È che proprio sta situazione io nun l’ho capita!

Prima nun ve volete sporcà le dita

eppoi fate allontanà tutti ar costo de la vita.

Se spera in un domani quanno

le mani se uniranno

pe evità quarche danno,

che la violenza cose buone nun le fa,

dà solo sfogo a chi de pensà proprio nun je va.

Ve prego fateme finì

So nata da poco e de ‘na guerra propio nun ne vojo sentì

‘A pace forse nun la volete,

ma nun ve rinchiudete!

Uscite da le case e quarche fiore regalate

che forse cor colore e cor profumo ‘n po’ ve regolate.

No al razzismo

Manifestazione a Roma da Piazza Vittorio a Campo de’ Fiori (ma eravamo troppi e quindi semo ritornati ar Colosseo)