Reflection of the book “The Shadow of the Sun” by Ryszard Kapuşciňski.

Ryszard Kapuşciňski was a Polish journalist who travelled throughout Africa for forty years as a reporter of the rich multicultural background and difficult social situation. In this book he presented what he experienced during his different trips of the entire continent. This reading made me think about another two I had for some months ago, and I am going to explain in which terms.

There are two evidences in the reading of this book that I found interesting. Firstly, the view given to the reader about Africa is not an official one, as those known by everyone or basically stereotyped. Indeed, it is a trip along unofficial routs. This reminds me of the book “The Songlines” by Bruce Chatwin, who also followed unofficial paths to take itself through Australia. Secondly, the fact that the author chose to present his views about his exploration without any too simple or general description, reminds me of the book “Travels with Charley” by John Steinbeck. This book tells about the trip that the writer made with his dog Charley, through America. Similar to Chatwin, also Steinbeck puts his personal views and experiences in the narration.

“All are arrivals from elsewhere, all are immigrants.” If I was asked to summarize the book “The Shadow of the Sun” I would definitely use this words. As interested in the issue of migration, which is especially a current one, I was really struck by these words. As written before, I appreciate the personal observations and the social meaning of it. In fact, Kapuşciňski was not only a traveler and writer but firstly a journalist, therefore he saw things in a different way and with different targets. Going through the pages I could imagine myself walking around the same territories visited by the author and meeting the same persons. I enjoyed this reading very much and would definitely recommend it.

Heading to Warsaw, Poland

12th April. Start of the trip, going to Gothenburg.

Metres of smoke from the coffee factory reflect the sun in a clear  Karlstad today. I am sitting on the train which in some minutes will leave to Gothenburg. Alarm clock at 5,45, but was too excited about the trip that I woke up at 4,15 by my own instead…good for me because otherwise I would have stressed too much to prepare…but you know what? I had not packed anything so I had the time to do it. We are leaving, of course I sit in the wrong direction back to the front…I will never remember about it!!!!

Kizunguzungu, All I want and a Swedish version of Hallelujah in my ears. Still ballerinas and black trousers regflecting the sun…love this Swedish Spring, cannot just get enough of it. No flowers though, leaves are going to appear in May or June…just light, sun and long days.

The travelling song in my ears. Worked at Bunkern last Friday. Incredible how Sweds can behave in so different ways when drunk…they can get very rude but at the same time very kind, open and funny! I was sure I would forget something and so it was! The mask I usually sleep with when it gets Spring and too lighty in the mornings. But we are still in April and Warsaw is a little souther than Sweden…so I should make it…

So! Why this notebook? This is my first travel/trip compeltely by myself…I have been looking forward to one of those for so long!!!

An acoustic version of Welcome Home by Radical Face.

Plans for today? Jumping off the train and going around a bit…find a park where to sit and enjoy the sun, and eat my boiled corn with tomatoes. Then I will probably visit the museum of the city and then get to the hostel which is 3 km from the central station.

As I was saying…well I have the plan of writing a little notebook for every country/place I will be visiting now on, filled with postcards, tickets, places with adresses (so that I can come back to those if I will ever go back to these places) and impressions of my journey. We are in Kil now, incredibly foggy right now…I will try to sleep for a while now…see you later!

Here again…I am sitting in front of the museum of world cultures in Gothenburg, some steps from the hostel where I will check in in a few hours. One of the exhibitions is called “Afghan tales”, and I look forward to get to know more about it. I sat a hour in a park near the river, read a little, enjoying the windy, sunny day, and eating my lunch. Both for having gotten up at 4,30 and for the sund shining for hours on my head, walking a lot (most of the times feeling very sure about my direction but at the same time not having a clue about it!), 2,5 hours on the train, I am definitely tired now. But I walked heading to the hostel, meeting a Pressbyrån, which you should definitely know about…it is the worst thing in the world if yu want to keep on a diet…I dreamed of coffee (and Pressbyrån makes it in my favourite way) since yesterday…and finally one with an “unmissable” kanelbulle (cinnamon bun) beside…you know what though? I guess here in Gothenburg they do not use the same coffee as in Karlstad (Löfbergs brand comes from KArlstad).

I love being around, and I enjoy not to be connected to Sweden in anyway if I want (just keep talking English instead)…and everyone will react in a much more oppen way than usual (the average Swedish loves to speak English, complains about his/her “bad” level, and is very shy to speak it). But as you Sweden is heading the ranking among the countries with the best second language English speakers. So, language relativism is a bluff? Not at all, choose a language and you will be treated, and feel, way differently! News of the day is that, for some unexplainable reason, I got accepted in the Sedish as a foreign language IV course…keep it or leave it? Being me, I just cannot refuse it…so next week is gonna be an even cooler one!!!

You know what? I am going inside now…need to see the museum.

Bet of this week? To show to my parents that you can actually get brown staying in the sun, even though you are not in Italy, and it is 9° outside! 😉


Before going inside the museum, I did actually got tanned on my face and my feet! (Ballerinas power!) The sun made me feel headache, but I cannot stop being outside, love the Spring here…Yeah…I repeat myself regarding this, I know…

The museum was very interesting. It is called Världskulturmuseum and it is located near the Universum, a giant museum with inside everything frm plants to butterflies and universum explanations…

I had been there during October 2013, on the first reunion weekend with STS, during my exchange year in Sweden. And it is amazing, I would really recommend it!!!. I read today that a 25 ms high tree from a tropical climate is growing there inside! Going back to the museum…

I went through the two exhibitions they have in this period. One called Afghan tales and one about gender equality and rights. Firstly, I  mistakenly went to another floor, where another exhibition was being built up…and it was pretty scaring actually: giant white spaces, nobody there, just three enormous screens with old photos, and a big panic of not being able to go out at first! But I am here safe and sound now!

Very nice photos in the Afghan tales exhibition…touching and well explained, both in Swedish and English. The other one about genders’ rights also made me think a lot and learn as much. Around 15.30 I started to look for the hostel and I setlled there . I relaxed for a while and then went out for a walk and to buy my dinner. I ate very early to be Italian! Now it is just 19,30 and I am already tired as a sloth! But I try to resist at least until 21 before sleeping! Tomorrow my bus from the train station to the airport leaves at 6,30 am and takes half an hour…so…waking up at 5.00 am!!! That’s why I’ll say goodbye and goodnight to you for today…tomorrow is going to be a long day!

Incontrando rifugiati, bici e barbeque nell’aria di Linköping

Mercoledì 11 maggio 2016

Insomma, la settimana 19 di quest’anno è finalmente arrivata, e con lei il terrificante esame di svedese livello C1, il temuto TISUS! Come raccontato in qualche post, ho deciso di farlo a Linköping, in modo da non dover dormire in un posto dove non conoscevo nessuno, e soprattutto per cogliere l’occasione per salutare la mia cara amica messicano-svedese Elisa, che era stata au-pair a Roma dove ci siamo incontrate quasi due anni fa. Sono stata ospitata da lei per due notti, ed ora aspetto ascoltando radio svedese (se siete curiosi, la frequenza 106,9  da Linköping vale davvero la pena di essere ascoltata 😉 ) che lei torni dall’università. Sono arrivata a Linköping lunedì intorno alle 15, dopo aver aspettato un treno a Karlstad ed il secondo a Kristineholm sotto un sole cocente (siamo intorno ai 25° in Svezia negli ultimi giorni!). Il primo viaggio di due ore è stato uno dei più piacevoli mai fatti. Dopo essere salita su un treno ed aver ricevuto una chiamata da Micael (hostfather) tra chiacchiere in tutte le lingue della gente che saliva sul treno e cercava di sistemare i bagagli, ed essere riuscita a capire tutto in svedese della chiamata, mi sono seduta al mio posto con il tavolino. Appoggio il mio caffè del Pressbyrån sul tavolo, insieme al primo libro in svedese letto seriamente, Solstorm di Åsa Larsson. Il signore seduto davanti a me, che poi mi racconterà proprio originario di Karlstad, nota l’autrice del libro. Sorprendentemente mi dice di essere stato insegnante di una giovane Åsa Larsson a Kiruna nel nord della Svezia, dove lei infatti è cresciuta, come ci si può anche accorgere nel romanzo. Quando gli ho detto che era il primo libro in svedese che mi trovavo a leggere mi ha guardato con uan faccia sorpresa, ma davvero sorpresa. Mi sono trovata senza parole e non sapevo come rispondere. Alla fine l’unica cosa che ho pensato è che non aveva capito che non fossi svedese, e gli ho detto che lo svedese non è la mia lingua madre. Ancora incredulo mi ha fatto i complimenti, facendomi notare l’unico errore che avevo fatto da quando avevamo inziiato a parlare, ma più tardi nella conversazione ho scoperto che ha un passato da attore e che probabilmente aveva finto molto bene sulla mia bravura!

Comunque, ritornando al libro, il signore mi racconta di come agitata la scrittrice fosse all’uscita del suo primo romanzo, e di come l’aveva letto tranquillizzandola sulla qualità del libro. Il signore è insegnante di musica, conosceva anche il coro Söt Likör dell’università di Karlstad ed il nostro direttore. Insomma, abbiamo parlato moltissimo ed è stato davvero interessante e divertente, dal momento che ad un certo punto si è messo ad imitare alcuni dei dialetti svedesi.

Dopo aver scambiato alcune parole con due signore estremamente british sedute accanto a noi, sono scesa dal treno a Katrineholm per aspettare la coincidenza. Sulla banchina, assolata, con lo zaino pieno di cose, vedo una ragazza con il velo che cerca di chiedermi se il treno da cui ero appena scesa era quello per Stoccolma, e le dico “si si è questo”, cercando di premere il bottone per aprire le porte, che però sono rimaste chiuse. Alla fine la signora aveva il biglietto per il treno seguente, quindi avrebbe solo aspettato il prossimo. Il suo viso era completamente segnato da ustioni gravi, insiemi a mani e piedi immaginavo che tutto il corpo avesse passato lo stesso orrore, poi scoprirò che invece era un po’ diverso. Iniziamo a parlare in inglese, ci sediamo in stazione e mi racconta la sua storia. Proveniente dalla Somalia, arrivata da solo otto mesi in Svezia, stava andando a trovare suo fratello che abita a Södertälje, vicino a Stoccolma. Avrei detto che avesse intorno ai 20 anni, ma poi mi mostra la foto di suo figlio che ha 10 anni, le chiedo quanti anni ha e mi dice 35. Non chiedo niente del marito, le chiedo solo se è arrivata sola fino alla Svezia. E si, era sola in un viaggio durato più di due anni. È stata fermata in Grecia per due anni, e quando si trovava su un pullman per partire finalmente da li, la polizia ha cercato di fermare l’autista che non si è voluto fermare e a quanto pare in qualche modo la polizia ha usato le fiamme per spaventare e farli fermare. Dico solo ora, alla fine del racconto, che ho dei dubbi su quello che mi è stato raccontato. Incuriosita dalla storia ho provato a cercare qualcosa su internet, scrivendo greece, police, burned, immigrants, e niente è uscito fuori, se non che i rifugiati spesso si bruciano con i carburanti delle barche con cui arrivano. Sedendosi sui motori il carburante li avvolge, ed il bruciore non si sente subito.

In ogni caso, dopo un’ora saluto la signora e attraverso la stazione per aspettare il mio treno. Viaggio di meno di un’ora ascoltando musica. Arrivo a Linköping e vado a casa della mia amica nel caldo e verde di questa bellissima città. Elisa arriva a casa dall’università dopo un’oretta e andiamo in giro con le bici per la città. Prendiamo un gelato e sentiamo dei romani parlare nella piccola gelateria. Sempre riconoscibili. Camminiamo e ci sediamo su un prato su una specie di isoletta vicina al centro della città, prendiamo il sole e mangiamo frutta, alternando svedese ed italiano. Luce fino a tardi, torniamo a casa con le bici e ceniamo con un risotto all’Amarone, che non conoscevo proprio. Vino Marrone, cipolla e parmigiano. Buonissimo! La mattina dopo ci siamo svegliate alle 6,15, perché appunto io avrei avuto l’esame TISUS all’università dove Elisa studia. Arrivate li in bici, ho fatto l’esame che è davvero volato, alla fine delle prove scritte ero così contenta di lasciare l’aula che mi sono scordata la borsa dentro! E sapete cosa? Non incontro un italiano in una delle pause?! Aveva davvero un accento finlandese sullo svedese, e non avrei potuto dire fosse italiano, lui credeva io fossi svedese! A parte la mia capacità di parlare svedese, che è più che discutibile, immagino che i capelli biondi e gli occhi azzurri facciano sempre la loro parte, soprattutto se poi me ne vado in giro con una tazza di caffè comprato al pressbyrån, e con un libro in svedese in mano!

Ho pranzato con Elisa su un prato in mezzo al campus, che sembra davvero una cittadina, atmosfera bellissima, e sono andata a fare il mio esame orale. Aspetto i risultati che arriveranno tra tre settimane. Faccio fika con un kanelbulle e del caffè, il prossimo è gratis dato che si accumulano i punti sulla carta, e ovviamente mi riserverò un caffè enorme per il viaggio di ritorno di oggi!

Torniamo a casa in bici, ci prepariamo per uscire di nuovo ed andiamo al Trädgårdsföreningen, un fantastico parco/giardino in centro. Musica e chiacchiere e sole. Dopo ore vediamo qualcuno fare un barbecue su un grill usa e getta. Propongo di fare lo stesso e andiamo a comprare l’occorrente (il grill costava solo 19 corone, tipo due euro!), torniamo a casa e prepariamo le cose da portare, torniamo di nuovo allo stesso parco. Il grill usa e getta dura non più di un’ora e non è molto forte, ma abbiamo davvero fatto una cosa molto svedese che tutti fanno quando finalmente arriva l’estate e la luce, soprattutto scordandoci sale e pepe!

Scrivo nei prossimi giorno di più su Linköping, l’incontro con un’australiana a Karlstad, l’Eurovision Song Contest, i 90 km in bici, ed il weekend con la mia famiglia ospitante ad Uddeholm, dove sono ora. A presto!