I Malmö möts vi – Hjälp till med integration!

Eller, att bli svensk kontakt person utan att vara svensk medborgare.

‘Men va!?’ kanske tänker ni. Nu ska jag berätta kort om vad det innebär att vara kontakt person inom “I Malmö möts vi” – som är kopplat till den sociala resursförvaltningen på Malmö kommun, som dessutom ger flera möjligheter att engagera sig ideellt.

Allt började för några månader sedan när jag skickade in en formulär för att bli kontaktperson/mentor till ett ensamkommande barn, fast jag fick svar om att det inte fanns behov av det då. Efter några veckor fick jag en till mail där någon frågade mig om de kunde skicka min dokumentation vidare eftersom det fanns behovet någonstans i Malmö. Bara för två dagar sedan blev jag kontaktad av “I Malmö möts vi” för en intervju i fredags kl17.00. Jag blev förvånad och väldigt glad och cyklade då till “Invandrareservice” byggnaden med många positiva tankar. Jag träffade en väldigt positivt kvinna som presenterade mig den tjej hon hade tänkt matcha mig med. Allt lät väldigt bra och

Situationen just nu är att det saknas kontakt personer och att de flesta som inte lyckas få någon match är först och främst killar som kom till Sverige som flyktingar. Killar som vill vara kontakt person är därför dem som mest saknas! Åldern? Inom projektet är de vuxna som tas hand om, därför från och med 18 år och äldre. Men just nu behövs det mest hjälp för dem mellan 18 och 30 år gammal.

Men vad handlar det om? Man blir helt enkelt matchad med en person som så mycket som möjligt har gemensamma interessar, ålder och personlighet, för att träffas två gånger i månaden, men tanken att dela språket – dem flesta som man blir kontakt person för brukar ha redan gått på SFI kurserna. Mötespunkterna i det hela är att dela med sig av svenska språket och det sociala utvecklingen både för den person som är ny i Sverige/Malmö och kontaktpersonen.

Nästa helgen ska jag träffa personen jag blir matchad med för första gången, medan nu på torsdag ska jag på en gemensam aktivitet som arrangeras för dem som är kontakt personer. Ser fram emot att lära mig mer om det och träffa mer folk!

Att sitta still i en stad som Malmö som växer och växer och växer, där mycket händer men ännu mer sägs om kriminalitet, utan att göra något annorlunda än kritisera negativt eller klaga tycker jag är lite dumt. Bäst och i stället sluta prata om vad man inte vet än och använda dagen på ett mer produktivt sätt.

Jag flyttade till Malmö för att jag har alltid blivit lockad av mångfalden och mångkulturalism, olika åsikter – mat så klart – och en ung stad. När jag kom i augustis tyckte jag att det inte fanns mycket att göra här eftersom jag kände inte till mycket eller många än. Men ju längre jag är här desto flera aktiviteter hör jag prata om. Speciellt är det otroligt många ideella föreningar som riktar sig till integration av nyanlända personer till Malmö och Sverige – nästa för många så att man inte kan bestämma sig vilket man ska engagera sig i! Några av dem som jag hört tala om än så länge är Näktergalen Mentor verksamheten (ni kan läsa om min erfarenhet här), Open Skåne, Kontrapunkt, Kultur Kompisar, Kompis Sverige och flera mer. Kanske just för att det finns så många ställen där man kan engagera sig i för att hjälpa till så är det inte alltid lätt att få en koncentration av personer, och många känner säkert inte till. Vill man engagera sig för ensamkommande barn här i Malmö kan man läsa mer på denna sida.

Hoppas att du som läste detta inlägg blev lite nyfiken och börjar tänka dig att vara med i projektet! Läs något om det här om du vill veta mer och anmäl dig för att bli kontakt person eller blir matchad med en kontakt person…och lycka till!

 

About Sameblod – Samiblood

..and the inspiration it brought.

 

I was sitting at the cinema Panora here in Malmö for a few days ago with my friend, watching the first scenes of a breathtaking and inspiring film which was having that night the first premiere through all Sweden. A few minutes earlier a woman with a traditional dress member of a Southern Sweden association for the promotion and protection of Sami culture, was introducing the film and thanking the audience. I did not know what to expect from the film and as violence scenes took the screen and more and more the main character refused to explicit her cultural belonging, anger was boiling and drops were struggling to flow out.

Two weeks ago my father who came visiting and I went to an exhibition hosted at Malmö museum (Malmö Slotthus) called “Vi är Romer” going through the persecution through history of Roma people, and of the ethnic cleaning pursued by different countries especially Sweden. Crazy to read about what happened just until some tens of years ago, and even more sitting and watching Sameblod just a few days later.

Surely since coming back from Sweden after a long period spent there (can’t believe it has gone almost three years since!) I started to learn and appreciate cultural differences within my culture more than I would have ever expected. The fact that a side of my grandparents come from a little village and that there are different interests shared in my family made it easier to get into the topic with interest and passion. And surely the fact of living in Sweden and studying the program in IMER here in Malmö is helping to put attention on situations for ethnic and language minorities.

Sameblod has been for me one of those steps which leads you to some interesting – and hopefully durable – decisions. University of Tromsø is offering stunning courses – even by distance – in nordic studies and Sami culture. Even though I am already out of the deadline to apply for the next fall semester (they had it in December for international students!), I will probably try for 2018. In the meanwhile, next week admissions for courses and programs in Swedish universities are opening and Uppsala is actually offering distance courses in South Sami language (Sydsamiska)- which is threatened as a minority language among the nine dialects/variations of the Sami language, and it is currently spoken by 500 people in the Swedish territory.

I was wondering whether the Sami singer performing at Melodifestivalen would have received big appreciation after the debut of the film just a week ago, and in some way one can say that this actually happened. The song came third and even though it is “just a music festival” I hope it is symbol of a more participation of the public opinion into the discussion about minorities and recognition of the persecution they have been subject of and they still are paying consequences for. Here below is the song performed at Melodifestivalen which includes extracts of joyk. A jojk (some info in English here) is a traditional Sami song which is usually sung in memory of a person, a place, or an animal, etc.

 

Hope you enjoyed the reading, and if you are interested you may want to check some more about the plot of the film reading this review.

See you soon!

1244737_Sami-Blood

8 marzo , consigli ambientalisti e weekend primaverile

Venerdì, 10 marzo

Fiuuu, che settimana e che giornata! Tempo di weekend, anche se domani si torna a studiare!

Un post lunghissimo che spero non sia troppo “pesante” da leggere, altrimenti durante la lettura potete ascoltare e vedere qualche video musicale con cui mi sono “fissata” negli ultimi giorni.

La giornata di oggi è stata massacrante ma soddisfacente. Sveglia presto e corsa alle 6,40 per riuscire a stare in biblioteca sul presto. Con il mio gruppo abbiamo finalmente presentato oralmente l’ultimo progetto di ricerca – questa volta ricercando i motivi per cui l’ultimo passaporto britannico è disegnato in modo estremamente maschilista, conservatore e nazionalista – ed ho scritto una parte del saggio del corso a distanza di bilinguismo ed identità. Da quando ho visto il film Samiblood (Sameblod), sul quale tra poco scriverò un post, ho iniziato ad interessarmi sempre più alla discussione delle minoranze etniche e linguistiche, ed in special modo della persecuzione storica del popolo Sami, che è ora cercata di essere dimenticata e le ferite curate. Mi sono messa a cercare i centri di ricerca più famosi di questa materia e mi sono ritrovata sul sito dell’università norvegese di Tromsø, perdendomi tra i corsi di studi nordici e di lingua sami nordica. Probabilmente è un’idea plausibile per un erasmus o un master. In più hanno un programma di un anno da seguire a distanza con cui si può continuare a studiare il bachelor’s in studi nordici.

Comunque, nel pomeriggio ho incontrato la mia mentor child e siamo andate all’acquario di Malmö. La sera ho fatto una lunga e veloce passeggiata con una mia amica e mi sono caricata la spesa sulle spalle, per poi tornare a casa e preparare delle bakpotatis con condimento di crema ai gamberetti, lunghe chiacchiere. Poi sono crollata a dormire stanca come ormai sono ogni giorno! Qui qualche foto del piatto preparato, e di una scoperta abbastanza “peculiare” nel supermercato!

 

 

 

La vita è sempre imprevedibile, si sa.

Una settimana fa entrando a lezione mi sono ritrovata una ragazza che mi chiedeva se quella fosse la lezione di IMER. Le rispondo di si e mi siedo vicino a lei pensando sia una nuova arrivata. Dopo aver iniziato a parlare in inglese ed esserci chieste da dove venivamo, ci siamo rese conto di essere italiane doc entrambe. Dopo lezione abbiamo fatto un giro nell’università e nella biblioteca e ci siamo dette a presto. Qualche giorno dopo abbiamo deciso di vederci per la manifestazione delle donne a Malmö dell’8 marzo, cosa che poi non abbiamo più fatto – e grazie al cielo, dato che tra vento e pioggia, la manifestazione, il traffico, ed un maxi incidente davanti al quale mi sono ritrovata a passare in bici, quel giorno sembrava l’apocalisse! Al ritorno da un incontro di cui vi scriverò più tardi ci siamo quindi incontrate alla stazione, per poi recarci con l’autobus a Möllan, quartiere multietnico e più vitale della città. Abbiamo camminato un po’ per la grande Bergsgatan, dove decine di odori di cibi diversi si incanalano nella via e negozi di alimentari sono aperti fino a notte fonda. Si risparmia comprando lì, ma si perde in qualità. Allo stesso tempo è questo che rende Malmö una città diversa, quasi non svedese, quasi ci si perde. Come essere a Roma.

Siamo quindi andate ad Inkonst, un centro sociale/teatro/spazioeventieconcerti dove si sarebbe tenuto il dopo manifestazione, e abbiamo ballato un po’. Il piano era quello di andare in giro per locali finché durasse “il periodo gratuito” ma in verità era quasi tutto chiuso e c’era abbastanza poca gente in giro. Cosa che in effetti mi ha abbastanza sorpresa, forse in fondo non hanno bisogno di tutto questo femminismo in Svezia? I numeri dei manifestanti potrebbero spiegarlo, anche se sembra che in effetti al cultura della protesta qui ormai non ci sia proprio, o tardi ad arrivare! Quindi ci siamo sedute a Möllans falafel a mangiare e poi abbiamo iniziato a tornare alla stazione.

 

Giorno dopo giorno mi innamoro sempre più di Malmö, sarà il normale evolvere delle cose, o la primavera in arrivo da oggi – sperando che questo non sia un terzo falso allarme! – il fatto di poter andare in bici, o il costruire sempre più a lungo qualcosa di duraturo! E se dovessi rispondere alla domanda “la consiglieresti come città dove trasferirsi?” non aspetterei un secondo a rispondere di si, soprattuto ad uno studente internazionale!

Sabato, 11 marzo

Vivere a Malmö, che tra l’altro è il nucleo del veganesimo, ma soprattutto dove la bici si usa così tanto – è la 6° città al mondo nell’indice bike friendly – ed avere un giro di conoscenze fatto di persone che o sono vegetariane o comunque molto ambientaliste, mi sono ritrovata a pensare a come le mie azioni potessero iniziare a cambiare per avere un impatto, o meglio ridurre l’impatto, dell’inquinamento. Ritrovandomi a scrivere quello che sto per scrivere, mi rendo anche conto che molte delle cose che elencherò non sarebbero facilmente fattibili in altri paesi come ad esempio l’Italia, sia per la discrepanza nello stile di vita svedese e quello di altri paesi, sia per la cultura ambientalista che ancora non è molto radicata tanto quanto in Svezia.

Il primo punto è quello di usare la bici, i cui benefici sia per l’ambiente che per la salute sono innumerevoli. Malmö è stata giudicata 6° tra le migliori città al mondo per accoglienza dell’uso della bici, in un indice che tra l’altro si chiama Copenhagenize (è Copenaghen a guidare la classifica), con le sue decine di chilometri di piste ciclabili, una mentalità aperta che porta i pedoni a controllare se stanno passando bici, parcheggi e rastrelliere gratuiti per le bici, parcheggi a pagamento con tanto di docce, bici elettriche e non da affittare, pompe della bicicletta sparse per la città, ed altre piccole grandi cose. Al momento c´è l’idea di costruire una pista ciclabile di 15 km che collega Malmö a Lund, quest’ultima cittadina che ospita una delle università più antiche e prestigiose del Nord Europa, e spero davvero che l’idea vada a buon fine! Parlando di lavoro, la bici viene usata anche in questo senso. Unica difficoltà? Quella di dover pedalare con i forti venti del mare nordico che spesso si fanno sentire, ovviamente contro la direzione in cui stai andando! A volte forse ti potresti ritrovare a dover raccogliere una vecchietta che per il vento si è letteralmente rovesciata per terra, e per fortuna ritrovarla a ridere della cosa!

Insomma, un quadretto paradisiaco che mi porta spesso a chiedermi perché le macchine qui a Malmö siano ancora così tante, gli automobilisti siano ancora così imprevedibili e tesi – il che suona esilarante pensando che sono nata e cresciuta a Roma – , che dopotutto le piste ciclabili non coprono tutte le strade della città, il trasporto pubblico sia abbastanza non in linea con l’idea di costruire una città a basso impatto ecologico, ed altre cose di cui magari parlerò in seguito.

 

Un’altra idea è quella di usare sempre buste di stoffa per andare a fare la spesa, o magari di plastica rigida, ma che siano riutilizzabili. Ieri ho iniziato anche a portarmi delle buste di plastica ermetiche per contenere i dolci per la colazione o i panini che compro al supermercato, invece di prendere una busta di carta ogni volta. Le buste ermetiche modello Ikea sono quelle che uso di solito dato che sono di una plastica abbastanza rigida e non si rovinano subito e si lavano molto facilmente 🙂

Ogni giorno in media mi bevo un caffè all’università, e ho quindi deciso di portarmi da casa una tazza take-away per non ritrovarmi a dover buttare tutta questa carta. Io ad esempio ho questo modello, ma qualsiasi tazza che saprete di usare almeno 70 volte porterà beneficio per l’ambiente.

E per aggiungere qualcosa di positivo per l’ambiente, avete mai provato Ecosia? È collegato al motore di ricerca bing per fare ricerche su internet, e si può usare per così dire al posto di google. Ad ogni ricerca che si fa corrisponde un albero piantato parte di un progetto di rimboschimento della Terra. Ed in alto a destra vengono mostrati quanti alberi hai piantato dal momento in cui hai iniziato ad utilizzare Ecosia.

Come detto prima, la voglia non porta ovunque se non viene incontrata da un’apertura mentale dall’altro lato e da un impegno per fare le cose. Infatti, mercoledì 8 marzo, mi sono ritrovata a visitare la Green House che è un complesso residenziale enorme e con l’obiettivo di essere a zero impatto ambientale, super moderno e dove tra l’altro alloggiano in alcuni appartamenti gli studenti dell’universita agraria svedese. Insieme ad altre tre persone, ho incontrato due persone che lavorano nell’agenzia che affitta gli appartamenti studenteschi, per decidere come iniziare un gruppo di giardinaggio tra noi studenti. L’idea finale è stata quella di utilizzare una vecchia stanza in uno dei corridoi ed adibirla a sala studio e posto per fare giardinaggio, ovvero ci sarà la possibilità di coltivare le nostre piante in una prima fase prima di trapiantarle, o comunque di avere degli scaffali per mantenere eventualmente le erbe aromatiche in un posto tranquillo, caldo e luminoso. Dopotutto, sembra sia stato dimostrato che studiare in un ambiente più verde porti più risultati!

 

Con la primavera in arrivo, l’idea del gruppo di giardinaggio e l’essermi avvicinata un po’ di più alla natura (vivo nella zona di appartamenti studenteschi chiamata Sege Park, e la finestra affaccia su un parco), più il consiglio di mio padre che è venuto a trovarmi qualche settimana fa, ho iniziato a piantare piantine ed erbe aromatiche. Ho utilizzato una delle confezioni di carta nelle quali vengono vendute le uova e per ogni striscia ho piantato dei semini di timo, basilico, insalata e cetrioli, e dei fagioli neri in un vaso più grande. Quando avranno raggiunto una grandezza accettabile per affrontare le temperature non proprio miti dell’esterno (anche se la zona climatica di Malmö è quasi paragonabile a quella italiana, se si pensa all’estate) le trapianterò nei grandi vasi che ci sono nel prato davanti casa, parte di un progetto di coltivazione comune.

Queste sono solo alcune idee di come vivere più in “simbiosi” con la natura, ma diciamo che seguo tutte quelle che sono rappresentate nella foto qui sotto, anche se si può fare molto meglio.

Di conseguenza, dato che si sa che stiamo meglio se siamo in natura, ho iniziato a preoccuparmi di più dal punto di vista salutare. Tre volte al giorno io e la mia vicina andiamo a correre alle 7.00 di mattina nel parco davanti casa, con l’obiettivo di correre una piccola maratona di 5 km a maggio, e una di 10 a giugno. Per ora sta andando bene, il fatto che le giornate sono sempre più luminose e faccia sempre meno freddo aiutano, anche se la voglia di una sauna rilassante ormai è quasi diventato un’obbligo per alleggerire i muscoli, quindi domani mi sa che ci farò un salto. E se dovete fare una sauna a Malmö, assicuratevi di andare qui 😉

Ora mi preparo per andare a fare una passeggiata al sole con la mia amica, sembra proprio che finalmente l’aria primaverile sia arrivata! A presto

p.s. l’idea di andare a studiare all’università proprio oggi è andata subito alla deriva. Appena uscita per la passeggiata con la mia amica ci siamo accorte di quanto caldo in effetti faccia e di come meravigliosa sia la primavera ed il sole appena arrivato. Tra poco pranzeremo fuori bevendo caffè e prendendo il sole. Lo studio può decisamente aspettare domani! guardate qui…oggi tutta la Svezia è un paradiso!

Schermata 2017-03-11 alle 13.11.34